Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

Firenze

«Una clientela che si sente protetta»

Giovanni Pratesi presenta la 27ma edizione della Biennale di Palazzo Corsini

Giovanni Pratesi

Firenze. Fervono i preparativi della Biennale dell’Antiquariato (1-9 ottobre), giunta alla sua XXVII edizione, e il cui deus ex machina dal 2001 è Giovanni Pratesi, affiancato dal Comitato della Biennale, composto da personalità delle istituzioni fiorentine, con il sindaco Matteo Renzi presidente, e antiquari di chiara fama. Da marzo sono chiuse le iscrizioni (87 partecipanti di cui 14 stranieri) con una lunga lista di attesa; è stato perfino chiesto ad alcuni antiquari di concedersi una pausa per lasciar posto a nuove presenze, in nome di un’alternanza preziosa per la varietà e la qualità di proposte che l’appuntamento fiorentino offre. E tornano gli antiquari romani, dopo l’assenza dalle ultime edizioni per le alterne vicende del mercato dell’arte. 
Come in ogni Biennale fiorentina dal 2001, sono al lavoro tre commissioni: quella scientifica, che comprende studiosi di ogni disciplina artistica; quella preventiva di controllo, composta da funzionari della Soprintendenza e direttori di museo, che verifica prima dell’apertura se vi sono opere notificabili, e infine quella proveniente da Roma, il cui compito è fornire in tempi brevi gli attestati di libera circolazione delle opere. Senza dimenticare il comitato dei garanti, composto da antiquari e incaricato, durante il vetting, di risolvere eventuali controversie tra funzionari e espositori. «Il mercato è pigro,  osserva Pratesi, ma la Biennale anche nei momenti di maggior affanno ha sempre mantenuto un suo standard più che soddisfacente: questa manifestazione ha una sua clientela che attende veramente l’appuntamento fiorentino per comprare, sentendosi protetta dalla struttura dell’organizzazione».
Ritroveremo gli allestimenti di Pier Luigi Pizzi per presentare opere illustri ospiti della mostra, come i bronzi di Pietro Tacca dal Bargello, mentre, tra gli eventi collaterali, sarà conferito nuovamente un premio alla regia di documentari di tema artistico: e Pratesi già ci annuncia il vincitore, Piero Angela, scelto da una commissione composta da Claudio Strinati, Rubino Rubini, Christian de Sica e Luca Verdone. Saranno inoltre riproposti i premi per il miglior dipinto e per la miglior scultura, consistenti in 10mila euro ciascuno (offerti rispettivamente dalla Banca di Cambiano e da Etro), che i vincitori sono tenuti a destinare al restauro di un’opera del patrimonio museale fiorentino.

© Riproduzione riservata

Laura Lombardi, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012