Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

New York

Aoa! L’etnografico è di nuovo in voga

Grazie alle aste di Sotheby’s e a una nuova fiera, l’arte africana, oceanica e precolombiana torna a Manhattan

La figura di maternità Yombe, proveniente dal Congo, venduta a 1,26 milioni da Sotheby’s

New York. Le aste di Sothe-by’s di arte africana, oceanica e precolombiana del 13 maggio, che hanno totalizzato 15,2 milioni di euro (stime 5,8-8,8), e l’edizione di esordio della fiera Aoa (Africa Oceania Americas), tenutasi tra il 12 e il 15, hanno riproposto Manhattan in un settore che recentemente ha visto crescere Parigi e Bruxelles. La vendita di 50 lotti dalle collezioni di Robert Rubin, uno dei trustee del Museum of African Art, ha realizzato 8,2 milioni di euro (stime 1,7-2,7) e ha venduto il 94% dei lotti, quattro dei quali battuti a oltre 1 milione di dollari. Protagonista dell’asta, dal Congo, una figura maschile Songye in legno con una «seconda pelle» di chiodi di rame che ha incassato 1,47 milioni (stime 100-170mila euro), nuovo record per un’opera Songye. Una figura di maternità Yombe, anch’essa proveniente dal Congo, è stata comprata da un collezionista  americano a 1,26 milioni di euro, ben al di sopra dei 175mila euro della stima. L’asta generalista ha invece incassato 7,1 milioni (stime 2,9-4,1), con gli statunitensi all’attacco: hanno acquistato cinque dei dieci top lot. Una figura femminile stante Yoruba, della Nigeria, è passata di mano a 1,1 milioni di euro (stime 140-280mila), mentre il Cleveland Museum of Art si è assicurato una borsa in pelle Wari delle Ande peruviane dell’800 d.C. a 102mila euro (35-50mila le stime). «Sono arrivate offerte da tutte le parti del mondo», ha dichiarato Heinrich Schweizer, specialista Sotheby’s di arte africana e dell’Oceania, facendo notare che, mentre metà dei top collector sono americani, la casa d’aste trova difficile piazzare negli Usa oggetti della fascia di prezzo tra i 10 e i 20mila dollari: «A Parigi, facciamo più “volume”».
L’intento della nuova fiera Aoa era di colmare il vuoto lasciato dalla cancellazione dell’International Tribal & Textile Arts Show che l’anno scorso ha chiuso dopo diciotto anni.
La nuova iniziativa gestita da mercanti si è tenuta tra il 12 e il 15 maggio in diverse sedi in città, ma si concentrava nell’Upper East Side. Vi hanno partecipato in totale 25 mercanti: tre da Bruxelles, tre da Parigi, uno da Sydney, uno da Barcellona; tutti gli altri erano statunitensi.
La fiera ha attratto curatori dal Metropolitan Museum, dal Brooklyn Museum, dal Princeton University Art Museum, con forti vendite da parte di diverse gallerie: Ancient Art of the New World Inc, di Miami, ad esempio, di proprietà di John Menser e Claudia Giangola (dal 1966 al 1983 direttore del dipartimento di arte etnografica di Sotheby’s), ha venduto una figura sorridente Veracruz in terracotta del 550 d.C. per 105mila euro a un collezionista dell’East Coast.
Nel frattempo in Europa la casa d’aste viennese Dorotheum ha tenuto la sua prima vendita etnografica il 3 maggio, con 152 lotti provenienti dalla collezione di Rudolf Leopold, meglio conosciuto per la sua collezione di opere di Schiele. L’alto pedigree (combinato con stime molto ragionevoli) hanno contribuito a un incasso di 657mila euro (contro stime di 276mila), con acquirenti da Austria, Stati Uniti, Francia e Belgio.

© Riproduzione riservata

Brook Mason, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012