Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Milano

Carracci in pagamento tasse

Credit Suisse succede al Mibac nel restauro delle tele giunte a Brera nel 1811 da Palazzo Sampieri di Bologna

Annibale Carracci, «La Samaritana al pozzo», Milano, Brera

Milano. «La Samaritana al pozzo» di Annibale Carracci, una delle gemme della sezione emiliana della Pinacoteca di Brera, è tornata nel museo dopo un sofisticato restauro condotto da Roberta Grazioli sotto la direzione di Ede Palmieri, responsabile di questo settore del museo, e supportato da Credit Suisse. Il dipinto di Annibale Carracci era entrato a Brera nel 1811, con le tele del fratello Agostino («Cristo e l’adultera») e del cugino Ludovico Carracci («Cristo e la Cananea») con i quali l’opera compone una sorta di trittico: le tre tele erano infatti poste in sequenza nella galleria di Palazzo Sampieri a Bologna, sormontando l’accesso ad altrettanti locali decorati dai tre artisti. Insieme giunsero a Brera le opere della stessa provenienza di Guercino, Guido Reni e Francesco Albani: in quell’anno i marchesi Sampieri saldarono infatti i lori debiti con l’erario cedendo una parte della loro celebre collezione (il resto, poco più di cento opere, fra le quali la «Pietà» di Bellini poi donata a Brera, fu acquistato dal viceré Eugenio Beauharnais), che era stata formata a partire dalla fine del Cinquecento, quando la famiglia fu elevata da Sisto IV alla dignità senatoria e il giovanissimo Astorre Sampieri, avviato a una gloriosa carriera ecclesiastica, si fece patrono delle arti: fu lui, con ogni probabilità, il committente dei tre dipinti ed è lui, con altrettanta probabilità, il giovane in primo piano che si volge a osservarci dal dipinto di Agostino. Proprio perché concepiti insieme e perché sono l’ultimo frutto del lavoro congiunto dei tre Carracci, prima della partenza per Roma di Annibale (1595) e di Agostino (1598), per entrare al servizio di Odoardo Farnese, la Soprintendenza avrebbe voluto restaurarli insieme ma, dopo l’intervento, finanziato dal Mibac alcuni anni fa sulla tela di Ludovico, i fondi erano venuti meno. Ora, grazie all’impegno di Credit Suisse (il cui amministratore delegato, Federico Imbert, è un appassionato cultore d’arte) si è potuto provvedere al restauro degli altri due (il secondo è stato avviato a giugno). Entrambi sono stati sottoposti preventivamente a minuziose indagini fisiche non invasive (di Gianluca Poldi e Simone Caglio) e chimiche microinvasive, con minuscoli prelievi (di Silvia Bruni ed Eleonora De Luca), che hanno confermato l’analisi stilistica secondo la quale i tre artisti si muovevano con notevole indipendenza, dal momento che, ha osservato Sandrina Bandera, soprintendente e direttore della Pinacoteca di Brera, «non erano tre artisti della stessa bottega ma erano tre docenti della stessa Accademia, quella bolognese degli Incamminati, che per oltre un secolo, dopo la brevissima vicenda dell’Accademia Ambrosiana, fu l’unica dell’intera Italia settentrionale e che dettò le linee guida del Classicismo post-tridentino». Hanno poi provato che Annibale non si serviva di disegno preparatorio e che quindi i suoi dipinti erano sì caratterizzati da una grande freschezza e libertà, ma erano anche soggetti a numerosi pentimenti. L’ultimo restauro, di Mauro Pelliccioli, risaliva al 1956, per la mostra bolognese dei Carracci, e nel frattempo, oltre all’offuscamento e ossidazione della vernice, si era manifestata una larga crettatura con pericolosi sollevamenti a cuspide e cadute di colore, a cui è stato posto rimedio con un consolidamento con resina sintetica, mentre una pulitura preceduta da sondaggi stratigrafici ha rimosso vernici, patinature e ridipinture. Da ultimo, l’integrazione pittorica è stata condotta con metodo mimetico per le lacune puntuali e con leggera velatura laddove occorreva una ricalibratura cromatica. Recuperata anche la cornice a foglia d’oro, che si è rivelata originale di casa Sampieri. 

© Riproduzione riservata

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012