Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

I «Santoni» della Magna Mater


Palazzolo Acreide (Sr). Grazie a un milione e mezzo di euro (fondi comunitari) torneranno finalmente fruibili i «Santoni» (III secolo a.C.), dodici grandi quadri scolpiti nella roccia, il più vasto complesso di figure ad altorilievo dedicato al culto della Magna Mater che il mondo antico abbia lasciato. Già in pessimo stato di conservazione, erano resi praticamente invisibili da erbacce e infestati da serpenti. In ogni rappresentazione compare la dea Cibele assisa in trono con chitone e himation (mantello), sul capo il modio e le mani reggenti una patera e un timpano, una specie di tamburo. Ai lati del trono o nella scena, sono sempre rappresentati uno o due leoni, animali sacri alla dea, insieme a divinità minori o coricanti, suoi sacerdoti, in dimensioni gerarchicamente inferiori. L’intervento, oltre al consolidamento e al restauro, prevede anche la realizzazione di strutture protettive più adeguate delle attuali casette in legno. Sarà inoltre esteso anche ai Templi Ferali, latomia greca riutilizzata come santuario in età ellenistica. La rinnovata attenzione al territorio, qui come a Selinunte, è resa possibile dall’istituzione dei nuovi Parchi archeologici (i «Santoni» ricadono in quello di Eloro e Villa del Tellaro e delle aree archeologiche di Noto e dei Comuni limitrofi).

S.M., da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012