Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Cinquemila scudi per Pompei

C’è una fotografia che ritrae Giuseppe Garibaldi con il figlio, i suoi ufficiali e una signora identificata con la contessa Maria Martini della Torre, in visita agli scavi di Pompei. Lo scatto risale al 22 ottobre 1860 e si trova presso l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano a Roma. Con questo documento ha inizio il saggio di Carlo Avvisati che attraverso l’esame dei decreti fotografa un momento storico ben preciso, quello dell’unificazione dell’Italia, in cui Garibaldi, che si è autoproclamato «dittatore» delle Due Sicilie, prende coscienza dell’importante valore del patrimonio culturale in mano ai Borbone. A questi ultimi infatti, «sottrae» il Museo di Napoli e gli scavi di Ercolano e Pompei donandoli al re d’Italia Vittorio Emanuele II e dichiarandoli così «beni nazionali». Già all’epoca lo stato di abbandono in cui versavano le rovine di Pompei spinse Garibaldi a stanziare cinquemila scudi (annui) e a ordinare la ripresa immediata degli scavi, nominando il romanziere francese Alexandre Dumas (padre) alla direzione dell’area archeologica e del Museo Borbonico divenuto Museo Nazionale di Napoli. Nel piano sugli scavi anche l’imposizione ai visitatori di una tassa di due lire, domenica esclusa, per finanziare restauri e nuove indagini.

Una camicia rossa a Pompei, di Carlo Avvisati, 142 pp., ill. b/n e colore, «L’Erma» di Bretschneider, Roma 2010, e 45,00

da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012