Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Nuovi studi

Fibula tota nostra est

La spilla prenestina è autentica

Fibula Prenestina

Roma. Al centro di accesi dibattiti per oltre un secolo, la Fibula Prenestina può riapparire sui manuali scolastici come il più antico documento di latino arcaico.
Grazie a recenti studi fisici e chimici, presentati lo scorso 6 giugno al Museo Nazionale Preistorico Etnografico «Luigi Pigorini», l’iscrizione «manios med vhe vhaked numasioi» (Manios mi fece per Numasio/Numerio) può considerarsi, a pieno titolo, un manufatto del VII secolo a.C. E dunque, contemporanea alla spilla in oro su cui è stata incisa, attribuita alla Tomba Bernardini di Palestrina (antica Preneste).
Era stata proprio la dedica a rendere il piccolo ornamento uno dei reperti archeologici più preziosi; una fama che era iniziata nel 1887, quando fu presentato dall’archeologo Wolfgang Helbig, ed è durata, nonostante gli scettici, fino al 27 novembre 1979, giorno in cui l’epigrafista Margherita Guarducci dichiarò all’Accademia dei Lincei che si trattava di un falso. A suo parere, l’incisione sarebbe stata opera dello stesso Helbig con la complicità dell’antiquario Francesco Marinetti, in possesso della fibula trafugata dal corredo funerario, e realizzata nella cerchia dell’orefice Alessandro Castellani, noto per la riproduzione di gioielli antichi. Nel tempo, sono stati messi a confronto i caratteri grafici con altri rinvenuti a Caere (Cerveteri) e in area falisca, obiettando sempre che Wolgang Helbig non avrebbe messo a repentaglio la propria reputazione per un oggetto fabbricato a tavolino e che l’antiquario, per lo stesso motivo, non l’avrebbe donato allo Stato; ma le polemiche non si sono mai spente e qualcuno ha persino definito la fibula un «uovo di giornata» (Giacomo Devoto).
A riaccendere i riflettori sulla spilla erano stati, più di recente, il restauratore Edilberto Formigli (Università Sapienza di Roma e Opificio delle Pietre Dure di Firenze) e la glottologa Annalisa Franchi De Bellis (Università di Urbino); il primo, con analisi radiografiche e microscopiche, ha stabilito che è composto da tredici parti e che nell’oro ci sono inclusioni di osmio e iridio presenti solo nel metallo antico; la seconda, ha inquadrato la problematica della fibula nei vari aspetti, rilevando tra l’altro un unico esempio linguistico (perfetto raddoppiato del verbo «facio») e contrastando pubblicamente le teorie avanzate dalla Guarducci.
Finalmente, la presentazione delle ultime analisi nel luogo dove si conserva il reperto, ha spazzato via gli ultimi dubbi: la fibula, a dirla con Orazio, tota nostra est.

© Riproduzione riservata

Marisa Ranieri Panetta, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012