Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Contro i tic della scrittura d’arte

Una perfetta, autistica, mancanza di sguardo

Torna Storia di un quadro di George Perec, strepitosa allucinazione collettiva

Georges Perec è scomparso nel 1982

Nel 1979 Georges Perec applica il suo congegno letterario micidiale al mondo che, per eccellenza, sulla collisione tra verosimiglianze si fonda, la pittura. La storia è quella di un collezionista, Hermann Raffke, ritratto in «Un cabinet d’amateur» dell’artista Heinrich Kürz tra i suoi quadri, mentre fissa il suo stesso ritratto tra i quadri, in una moltiplicazione infinita.
Poi Raffke muore e si fa seppellire in una tomba che somiglia in tutto e per tutto alla stanza senza aperture in cui il quadro lo raffigura, collocato nella posa in cui è ritratto: solo che nel sepolcro è rivolto allo stesso «Cabinet d’amateur». Egli contempla se stesso che contempla, all’infinito, per l’eternità, in perfetta, autistica, insensata mancanza di sguardo. Ma resta la collezione, e lo studio filologicamente accanito che si scatena. Il gioco è quello delle minime, continue alterazioni della verosimiglianza. In ognuna delle successive rappresentazioni di Kürz, ogni quadro riprodotto presenta piccoli significativi mutamenti. Poi ci sono i discorsi e le descrizioni che ne fa la critica, elenchi, repertori e schede di catalogo in cui Perec sguazza mimando con discrepanza feroce i tic della scrittura d’arte, gli andirivieni tra vero verosimile copia falso. Ancora, ci sono gli accidenti ulteriori che lo scrittore dissemina qua e là, mescolando artisti e studiosi veri con altri che innescano derive argute: c’è un R. Mutt che non è quello, peraltro a sua volta fittizio, cui pensiamo noi, c’è il gangster Angelo Merisi, c’è John Jasper, c’è la rivista d’arte «Befana»... uno dei critici, poi, si chiama Doppelgleisner, ovvero letteralmente «doppio ipocrita».
Conciso e perfetto, il testo dipana la vicenda di una potente, strepitosa allucinazione collettiva, di cui è protagonista e insieme vittima non tanto il mondo dell’arte, quanto lo stesso sistema di codici e di protocolli su cui si regge l’idea di pittura, il paradigma sempre più improbabile della rappresentazione dell’esistente e insieme la convinzione che il quadro è comunque un oggetto teorico, perché il tema di ogni immagine è l’immagine stessa. Perec gioca con i meccanismi storici dell’Einsatzbild e dello Spiegelbild, tipici di quell’arte nordica di genere che il protagonista, birraio tedesco di Pittsburgh, in perfetta identificazione sociologica non può che sposare, ma lo fa adottando la scrittura anziché la pittura: la narrazione funziona come ciò di cui parla, ed è a sua volta specchio meticolosamente straniante.
Lo snodo narrativo decisivo è un’altra situazione di identità/alterità, che val la pena di non spiegare perché alla fin fine questo coinvolgimento progressivo del lettore per fascinazione labirintica è come una trappola: e ogni volta deve scattare, implacabile.

© Riproduzione riservata

Storia di un quadro, di Georges Perec, traduzione a cura di Sergio Pautasso, 104 pp., Skira, Milano 2011, € 15,00

Flaminio Gualdoni, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012