Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni & Documenti

Il criptico d’arte

Povero Alemanno

Gli è toccato provare a essere convincente inaugurando il papa con grotta

Il monumento a Giovanni Paolo II alla Stazione Termini a Roma

Non l’avrei mai detto, che un giorno avrei provato un moto di solidarietà istintiva per Gianni Alemanno. A scommetterci, avrei puntato tutta la vita sul no. Poi è arrivata l’inaugurazione del monumento a Giovanni Paolo II davanti alla Stazione Termini, e ho dovuto mutar d’animo. Il sindaco di Roma era lì di fronte al monumentone sgangherato a riscuotere la sua cedola politica spiegandone l’estetica con parole imbarazzate, nel ruolo di quello cui tocca (a un sindaco credo accada spesso) di dover giustificare l’ingiustificabile: si tratta, ha detto il primo cittadino, di scultura «moderna, che come tale stimola e muove la fantasia». Povero Alemanno, certi giorni il suo è proprio un mestiere duro. A voler ben vedere, il papone bronzeo con tunnel incorporato, giusto per richiamarsi alla collocazione ferroviaria immagino, stimolava e muoveva con evidenza ben altro che la fantasia, nel sindaco stesso e negli astanti. Ma si sa, di fronte all’arte moderna quando tutto manca «tacere e adorare», ché capire e giudicare è facoltativo. Poi mi sono immaginato di vederle ragionare tra loro, le massime autorità politiche e amministrative della città, di fronte alla scelta cruciale di dare il via all’operazione. Vabbé, un monumento al papa beato a Roma ci vuole, e un monumento non ci si chiede mai se è bello o se è brutto: è come il grigio, va bene in ogni caso, ha detto uno. Roba che Oltretevere gli tocca dire che son contenti, tutti i cattolicissimi sudamericani usi a ritrovarsi davanti alla stazione hanno un loro punto ideale di riferimento, e a noi checcefrega. E poi questo è a gratis, e con le casse comunali schiantate il fatto non è di poco conto, ha soggiunto un altro. Vuoi mai, avrà infine commentato il più romanescamente cinico, metti che Giovanni Paolo II fa un altro miracolo e tutti si convincono che è una bella cosa...
In effetti si sono visti plurimi esponenti della fauna variopinta che frequenta i pratoni davanti a Termini commentare assai favorevolmente la grotta bronzea collocata lì in mezzo, quasi apposta per loro. Perfetta, hanno pensato. Ci si raggruppa tutti lì e si fa il presepe vivente. Soprattutto quando piove. Neanche il più ateo dei pizzardoni, a quel punto, oserà cacciarti via, e se ne arriva uno particolarmente testardo si può sempre dire che si sta facendo il tableau vivant di una Madonna della Misericordia, con il papa «santo subito» al posto della Vergine. È roba simbolica fine, caro il mio tutore dell’ordine, quindi vada a studiarsi la storia dell’arte e smetta di infastidire noi cultori del bello e del sacro, ancorché senza fissa dimora. Tutti contenti, dunque. E me lo immagino, il sindaco, mentre dopo la cerimonia sfreccia via nella sua auto blu verso nuove incredibili avventure: un monumento orrendo, ma tanto non è mica l’ultimo.

© Riproduzione riservata

Flaminio Gualdoni, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012