Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Molise mangiato dal cemento

Condomini abusivi a Campitello Matese, Campobasso

Non è la prima volta che l’Europa bacchetta l’Italia invasa e mangiata dal cemento. A fine maggio è toccato al Molise, dopo la presa di posizione di 136 associazioni locali che hanno denunciato l’eolico selvaggio, la cementificazione senza regole (nella foto, condomini abusivi a Campitello Matese, Campobasso) e i rifiuti extraregionali che soffocano il territorio. Decisa e articolata la condanna della Commissione antirischi della Commissione europea che ha visitato più volte il Molise: troppi i comuni che non rispettano l’ambiente «ignorando nelle costruzioni norme e vincoli che, seppure in dotazione di Regione e amministrazioni comunali, spesso vengono lasciati sulla carta», scrivono i commissari. Gli studi e le verifiche dell’Unione europea rivelano che nelle costruzioni, spesso realizzate in zone vincolate e in «luoghi ricchi di verde, caratterizzati da boschi e coltivazioni, si utilizzano materiali (non solo cemento) che sottraggono spazio al territorio, compromettono la vivibilità delle persone e distruggono pregiate culture agricole». Una prima risposta è venuta dal sindaco di San Giacomo (vicino a Termoli), Rino Bucci: ha bloccato, a giugno, la costruzione di 200 villette a schiera che non rispettano vincoli e regolamenti comunali. Le 136 associazioni ambientaliste, tra cui Italia Nostra e Legambiente, chiedono all’Unione europea di pronunciarsi anche sulla proliferazione delle pale eoliche che stanno invadendo il Molise. «È in pericolo una regione ricca d’arte, di monumenti e siti archeologici. Pietrabbondante, Sepino, Venafro, il sito paleolitico di Isernia, il parco archeologico di Larino e decine di altri, ricoperti di erbacce sono in stato di abbandono», denuncia Alfonsina Russo, responsabile della Soprintendenza archeologica del Molise, che ha deciso di mettere mano alla pulizia dei monumenti nonostante i pochi fondi: 57mila euro. Ha invitato 15 ditte locali a rispondere con urgenza al suo appello: diserbare i siti per evitare la fuga dei turisti e l’ulteriore degrado del patrimonio artistico.

Tina Lepri, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012