Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Galan

Obiettivo: il patrimonio

«Meno retorica e più sostanza», a partire dai fondi europei non spesi e dal rilancio di Arcus. Con una proposta: ridurre al 2% l’Iva sulle sponsorizzazioni

Roma. I punti significativi delle linee programmatiche di Galan sono stati di recente affermati o ribaditi dal Ministro, in un’audizione presso la Commissione cultura della Camera (avviata il 15, proseguita il 29 giugno ma non ancora conclusa) e in alcune altre occasioni pubbliche.
In primo luogo ha ribadito le sue parole d’ordine, ispirate a un approccio fattivo e concreto: «Meno retorica e più sostanza»; necessità di lavorare tutti insieme per la cultura, valorizzando le diversità ma con un obiettivo comune; su queste basi, realizzare una sorta di piano rooseveltiano della cultura (cfr. n. 309, mag. ’10, p. 4) e «un momento nazionale di chiamata a raccolta di tutti coloro che vogliano o debbano occuparsi della cultura italiana» per definire «una scala di priorità, possibilmente condivise, ma soprattutto raggiungibili».
Galan ha dichiarato una sua scelta di fondo, significativa e importante, che fa ben sperare: «Sono convinto che, prima e più ancora che sui cosiddetti grandi eventi, troppo spesso spersonalizzanti e prodotti in serie come format televisivi, il Ministero debba concentrarsi sul patrimonio. Non sull’effimero, dunque, ma sul permanente».
Sul piano delle politiche concrete, i punti più importanti indicati da Galan sono:
- il dovere di utilizzare fino in fondo le risorse a disposizione (i fondi europei per il Sud continuano a essere in gran parte inutilizzati, offrono ancora 31 miliardi di euro fino al 2013). L’esempio è Pompei, per cui sono stati mobilitati in due mesi 105 milioni di euro e si è messo a punto un «cronoprogramma» di interventi. In generale, migliorare la capacità di spesa del Ministero (anche con il «rapido affidamento dei tanti piccoli ma importanti lavori di recupero e manutenzione», per cui ha voluto innalzare da 500mila a 1,5 milioni di euro la soglia minima della trattativa privata, misura contestata dalle opposizioni);
- a proposito di risorse, rilanciare Arcus, la cui vicenda non piace al ministro (una grande idea piegata a esigenze «non dico clientelari, ma diciamo spicciole»): ora è necessario dare più stabilità strutturale alle risorse di Arcus, che dovrebbe avere il 3% di tutte le spese per infrastrutture strategiche e insediamenti produttivi e non solo di quelle legate alla Legge obiettivo;
- lasciare al Mibac gli introiti dei musei e dei siti archeologici statali;
- incrementare il coinvolgimento economico dei privati, cittadini e aziende. Su questo piano: favorire al massimo il mecenatismo e le sponsorizzazioni, ma «valorizzare l’aiuto dei privati senza svendere il patrimonio»: quindi disciplinare uno sfruttamento pubblicitario equilibrato e sostenibile, e perfezionare il sistema degli sgravi fiscali, in primo luogo riducendo dal 20 al 2% l’Iva sulle sponsorizzazioni;
- dare piena e compiuta attuazione al Codice dei Beni culturali e del Paesaggio;
- fare in modo che il Mibac non sia percepito come burocrazia che dice sempre no, ma come garanzia di equilibrio dello sviluppo, favorendo le giuste esigenze di semplificazione e accelerazione delle procedure di autorizzazione, a condizione che non mirino a ridurre la tutela a una finzione formale;
- varare nuovi piani paesaggistici regionali, d’intesa con lo Stato, in modo da definire regole certe e condivise sulle trasformazioni del territorio compatibili con la tutela del paesaggio; ciò è avvenuto in Abruzzo, Campania, Marche, Piemonte, Umbria e Veneto e sta per avvenire in Basilicata, mentre per le altre Regioni il dialogo preliminare dovrà essere accelerato.

© Riproduzione riservata

Marta Romana, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012