Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Parigi, commissaires-priseurs accusati di furto e ricettazione

Parigi. Tira una brutta aria da Drouot, la società che fornisce la sede a molte case d’asta francesi. Tra febbraio e maggio, quattro dei suoi associati sono stati incriminati in seguito a un’inchiesta che riguardava episodi di furto e ricettazione da parte dei «commissionnaires», gli spedizionieri di Drouot: a quanto è emerso, alcuni commissaires-priseurs li avrebbero agevolati mettendo all’asta oggetti risultati rubati. Il 3 febbraio era stato incriminato Philippe Lartigue della casa d’aste parigina Massol, seguito il 5 maggio da Claude Boisgirard, a capo di una società familiare di banditori d’asta attiva presso Drouot dal 1934. Una settimana dopo è stata la volta di Hubert Brissonneau, dell’omonima casa d’aste parigina, incolpato degli stessi reati, e quindi, il 19 maggio, di Olivier Choppin de Janvry, dell’étude Janvry.

Roxana Azimi, edizione online, 27 giugno 2011


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012