Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Vienna

L’Età dell’Oro dipinta a cinque mani

Un dipinto, pezzo forte dell’asta di Dorotheum di pittura antica di aprile, è frutto della collaborazione di cinque maestri fiamminghi seicenteschi

L’«Arcadia» dipinta da cinque pittori fiamminghi (Frans Francken II, Ambrosius Francken II, Hans Jordaens III, Abraham Govaerts e Alexander Keirinckx), proposta in asta in aprile da Dorotheum

Vienna. Nel catalogo della vendita di dipinti antichi, programmata per il 13 aprile, figurano, tra l’altro, diversi dipinti di maestri italiani, come una «Lucrezia» di Guido Cagnacci, olio su tela di 86,5x72 cm quotato 80-120mila euro; una «Angelica che cura Medoro», di Giovanni Lanfranco, olio su tela tonda di 110,6 cm di diametro (200-300mila euro); «L’Amore virtuoso», olio su tela del Guercino di 105,5x152,5 cm valutato tra 400 e 500mila euro; una «Fuga in Egitto» di Valerio Castello, olio su tela di 150x170 cm quotato tra 200 e 300mila euro e uno «Studio di uomo con barba», di Annibale Carracci, realizzato in olio su carta su tela di 41x28,5 cm. La stima per questo lotto è a richiesta. Tra gli artisti internazionali, è opera frutto di collaborazione tra Frans Francken II, Ambrosius Francken II, Hans Jordaens III, Abraham Govaerts e Alexander Keirinckx un olio su tavola di 72,7x104,4 cm che raffigura «Arcadia. L’età dell’oro». Si tratta probabilmente di una delle prime rappresentazioni di questo soggetto mai eseguite; le stime sono comprese tra 400 e 600mila euro. Stesse stime per una «Maddalena penitente» di Anton van Dyck, un olio su tela di 60x65 cm. Nella sezione dei dipinti dell’Ottocento (per l’asta in programma il 12 aprile), tra gli italiani figurano Vincenzo Irolli, con «La sguattera», olio su tela di 135x125 cm, stimato tra i 90 e i 120mila euro, e Fausto Zonaro, che ha un olio su tela di 38x60 cm raffigurante «Le ninfe della valle» (40-60mila euro). Nel catalogo spiccano naturalmente i nomi di artisti russi, come quello di Boris Mihailovic Kustodiev, autore di un olio su tela del 1906, «Sul Volga», che qui ha valori compresi tra i 350 e i 500mila euro. Tra gli oggetti d’arte, in vendita tra il 13 e il 14 aprile, un boccale austriaco del 1620-24 in argento ricoperto d’avorio intagliato, opera di Emanuel Kessbair (1589-1631/34), parte da stime di 38-48mila euro, mentre uno stipo viennese della seconda metà dell’Ottocento in legno ebanizzato e smalti è quotato 80-100mila euro.
© Riproduzione riservata

da Il Giornale dell'Arte numero 308, aprile 2011


  • La «Fuga in Egitto» di Valerio Castello in asta a Vienna da Dorotheum

Ricerca


Visita il nuovo sito Il Giornale delle Mostre
Il Giornale delle Mostre online

GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012