Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

A MiArt l'Italia s'è desta

Cento stand tutti nostrani con ritorni importanti, da Kaufmann-Repetto a De Cardenas

Damien Hirst, «Lamento», 2008, courtesy Robilant+Voena

Milano. Dopo gli ultimi due anni di crescita, MiArt torna dall’8 all’11 aprile nei padiglioni di Fieramilanocity con 100 selezionate gallerie di arte moderna e contemporanea, tutte italiane, perché, spiega il presidente di Fiera Milano Michele Perini, «a determinare l’internazionalità di una manifestazione non è la provenienza delle gallerie d’arte ma degli artisti. MiArt ha quindi deciso di imprimere una caratterizzazione netta alla fiera, ospitando il meglio delle gallerie italiane che rappresentano il meglio degli artisti internazionali». E poiché oggi ogni fiera deve ritagliarsi un ambito di eccellenza, per indurre i collezionisti a visitarla, questo sarà d’ora in poi il «sigillo» scelto da MiArt. A curare le sezioni del contemporaneo e del moderno è, come nelle due passate edizioni, il duo Giacinto Di Pietrantonio-Donatella Volonté, affiancato da un comitato consultivo composto dai galleristi Marco Altavilla, Epicarmo Invernizzi, Giò Marconi, Francesca Minini, Mauro Nicoletti, Lorcan O’Neill, Mario Pieroni e Giulio Tega e dal Comitato d’onore, di cui fanno parte Flavio Albanese, Corrado Beldì, Daniel Bosser, Pierluigi Cerri, Lieven Declerk, Ernesto Esposito, Giorgio Fasol, Alessandro Mendini, Giovanni Puglisi e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo. Sempre al curatore Giorgio Verzotti è stato affidato il catalogo della manifestazione (Silvana Editoriale) nel quale si ricostruisce la storia della nostra arte attraverso le gallerie che hanno contribuito a tracciarla, arricchito quest’anno (dopo Gabriele Basilico e Armin Linke) dalle fotografie scattate per MiArt da Mimmo Jodice, che è andato in cerca delle tracce del grandioso passato della città. A commento c’è anche il «MiArt Magazine». Fitto il programma dei convegni e degli incontri, coordinati da Vincenzo De Bellis e Bruna Roccasalva di Peep Hole (www.miart.it).
L’accoglienza per i collezionisti stranieri è stata curata come di consueto dall’associazione Acacia, guidata dalla collezionista Gemma De Angelis Testa, mentre il Rotary Club Milano Brera promuove la terza edizione del Premio Rotary per l’arte contemporanea e i giovani artisti, che acquisirà un’opera di un under 30, scelta dalla giuria formata da Chiara Bertola, Laura Cherubini e Christian Marinotti, destinata al futuro Museo di Arte Contemporanea. E mentre al Pac continua la mostra «Tony Oursler. Open Obscura», la sera del 9 aprile si tiene «100 di 50», evento organizzato dalla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e curato da Di Pietrantonio e Marco Scotini, che ripropone dal vivo o con materiale documentario cento performance degli ultimi 50 anni.

© Riproduzione riservata

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 308, aprile 2011


  • «Quando Cattelan è in vacanza», un’opera di Giuseppe Veneziano proposta al Miart dalla galleria Contini di Venezia
  • Eve Sussman, Marilisa Reflected, 2005, Courtesy Impronte Contemporary Art
  • Salvo, Ottomania, 1987. Courtesy Mazzoleni Galleria d'Arte
  • Giuseppe Armenia, Famiglia reale, 2007. Courtesy Federico Bianchi Contemporary Art
  • Carla Accardi, Composizione, 1956. Courtesy Galleria Centro Steccata

Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012