Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Venezia: 2011 o 2016?

«Venezia che spera» è il titolo della mostra in corso fino al 29 maggio al Museo Correr di Venezia, celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Costruita con i materiali in possesso dello stesso museo, è focalizzata sugli anni 1859-66, quelli che portano al ricongiungimento di Venezia e del Veneto con l’Italia. Per festeggiare l’Unità, dunque, si sarebbe dovuto aspettare il 2016, quando, è il pensiero più volte esternato dal governatore del Veneto Luca Zaia, potrebbe essere anche portata a termine la riforma federalista che dell’Unità sarebbe il vero compimento. Da qui la freddezza o meglio, in alcuni casi, il boicottaggio delle celebrazioni da parte di molti leghisti anche con cariche istituzionali, sia pure non ai massimi livelli. L’apice del dissenso si è avuto a Treviso, Provincia e Comune: nessuna manifestazione. Tutto rimandato al 4 novembre per la celebrazione della vittoria della grande guerra, ricorrenza molto più radicata nel sentimento popolare veneto. Non a caso, anche su sollecitazione della soprintendente Anna Maria Spiazzi, in occasione dei novant’anni (2008) dalla battaglia di Vittorio Veneto, molto è stato fatto per restaurare luoghi e monumenti storici. Cosa che non sembra avvenuta, invece, per l’Unità d’Italia, come testimonia il deplorevole stato di abbandono dell’ossario di Custoza (Verona), che raccoglie i resti dei soldati italiani e austriaci, caduti nelle battaglie del 1848 e del 1866. A Venezia, invece, la Presidenza del Consiglio avrebbe assicurato i finanziamenti per il restauro dei monumenti a Daniele Manin e a Vittorio Emanuele II. Post celebrazioni, comunque. Mancano, invece, le risorse per ampliare il Museo Correr, per costituire una sezione apposita dedicata al Risorgimento. A Padova il Museo del Risorgimento, ristrutturato alcuni anni fa, ha la sua sede all’interno dello storico Caffè Pedrocchi, dove, non a caso, è in corso fino al primo maggio una mostra celebrativa su Garibaldi affidata all’iconografia popolare di cartoline, figurine, soldatini. Proprio Garibaldi è la bestia nera dei più agguerriti nostalgici della Serenissima. Il loro epicentro è Verona, dove è nata un’associazione che intende smontarne il mito da «eroe dei due mondi» a «eroe immondo». La realtà, però, non è mai semplice. Dai dati di un sondaggio commissionato dal giornale «Il Gazzettino» risulta che i simpatizzanti della Lega Nord  si dichiarano orgogliosi di essere italiani all’86%. Più dei simpatizzanti del Pd, fermi al 78,5%.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 308, aprile 2011


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012