Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

La Corte spiega perché boccia Sgarbi

È stata pubblicata la delibera della Corte dei Conti (8 marzo 2011) che ha bocciato per l’ennesima volta Vittorio Sgarbi: non potrà essere soprintendente per i Beni storici e artistici del Polo di Venezia. Il no è definitivo. Queste le motivazioni della Sezione di Controllo della Corte: q Sgarbi è un semplice funzionario in aspettativa (commissario di Piazza Armerina). Come «soggetto estraneo ai ruoli dirigenziali del Dicastero» non può essere soprintendente; q la cosiddetta «legge Brunetta» del 2009 stabilisce che la Pubblica amministrazione possa «ricorrere alla provvista di personalità esterne» soltanto se la qualifica richiesta non è «rinvenibile nei ruoli dell’Amministrazione», e la Corte ha constatato che le persone qualificate ci sono e tra loro si è candidato il soprintendente di Bari, Fabrizio Vona; q già nel 2010 il ministro Bondi aveva nominato Sgarbi nonostante vi fossero altri due candidati che il Mibac giudicava di «ricca e comprovata esperienza»: Fabrizio Magani e Isabella Lapi Ballerini: la scelta poteva avvenire soltanto fra loro.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Edek Osser, da Il Giornale dell'Arte numero 308, aprile 2011


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012