Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

«Dazione» revocata: il mercato paga di più

Parigi. Il Centre Pompidou avrebbe dovuto ereditare parte della collezione del regista Claude Berri, deceduto nel 2009. Le trattative con il Ministero delle Finanze per la «dazione» (pagamento delle tasse di successione con opere d’arte) erano bene avviate. Ma i due figli di Berri (Darius, studente di Filosofia, e Thomas Langmann, produttore cinematografico) hanno deciso altrimenti: avrebbero venduto la collezione, per ricavarne maggiori introiti. A chi? Indiscrezioni parlano del Museo di arte moderna e contemporanea di Doha, in Qatar, ma anche di un collezionista privato statunitense. Si tratterebbe di una dozzina di opere, valutate intorno ai 30 milioni di euro, che sarebbero state vendute almeno a 50: quattro quadri di Robert Ryman, uno di Ad Reinhardt, un Fontana e un Morandi, un neon di Dan Flavin e alcuni pezzi di piccole dimensioni di Richard Serra. Per il Pompidou sarebbe stata un’importante acquisizione, soprattutto per quanto riguarda le opere minimaliste, di cui il museo è scarsamente provvisto. Inoltre, un valore di 30 milioni di euro è enorme rispetto alle disponibilità del Beaubourg, che quest’anno ha solo 2,5 milioni da spendere per nuovi acquisti.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Anna Maria Merlo, da Il Giornale dell'Arte numero 308, aprile 2011


Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012