ALLEMANDI NUOVO SITO 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Vedere nel mondo

Vedere nel mondo

Una coppia e un duetto

Konrad Witz, una tavola della pala «Speculum humanae salvationis», 1435

Man Ray raccontato da Man Ray: questa è la peculiarità della grande retrospettiva (in mostra oltre 200 opere) dedicata all’artista statunitense (1890-1976) dal Museo d’Arte di Lugano dal 26 marzo al 19 giugno, dove è disponibile un’audioguida con un racconto dell’autore stesso sulla creazione delle opere. Man Ray scrisse infatti una brillante autobiografia in cui ricorda le occasioni in cui nacquero le sue opere più celebri e i motivi, o le figure (molto spesso femminili) che le ispirarono. L’Istituto d’Arte Moderna (Ivam) di Valencia ospita fino al primo maggio altri due artisti del Novecento, Julio González e David Smith, esplorando un momento cruciale per la scultura, espresso dall’opposizione opera d’arte-oggetto d’arte. La relazione tra i due inizia nel 1933: Smith, iniziando a sperimentare le forme in ferro saldato, scopre le opere in ferro create da González, con il quale l’artista americano si sentirà in debito per una sorta di «liberazione tecnica». In mostra i lavori potenti, ma allo stesso tempo permeati da una certa assenza di materialità, di González sono così in dialogo con i leggeri assemblaggi industriali di Smith.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Paola Casta, da Il Giornale dell'Arte numero 307, marzo 2011

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012