Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

I Cavalieri di Malta

L’occasione, non solo per Caravaggio

La forza della committenza dell’Ordine maltese modificò e orientò le aspirazioni dei più grandi artisti

La copertina del volume «I Cavalieri di Malta e Caravaggio»

Per la maggior parte dei visitatori e degli appassionati l’arte a Malta oggi significa soprattutto Mattia Preti. Il grande maestro calabrese, poco dopo la metà del Seicento, ha lasciato un’impronta profondissima nel patrimonio artistico dell’isola dei Cavalieri e ha creato un modello figurativo di universale validità. Nel grandioso ciclo della concattedrale di San Giovanni c’è tutto lo spirito dell’Ordine, tra gloria militare e assistenza ai bisognosi. Il linguaggio di Preti, solenne e magniloquente ma nello stesso tempo intimo e sensibile, assume in quel ciclo di dipinti e nelle altre numerose opere che egli lasciò a Malta un ruolo simbolico, e come tale è stato sempre percepito e ora, nel volume di Stefania Macioce  I Cavalieri di Malta e Caravaggio. La storia. gli artisti, i committenti, ripercorso e illustrato da un grande specialista qual è Keith Sciberras come meglio non si potrebbe.
Ma la storia delle committenze artistiche dell’Ordine di Malta non si esaurisce certo con la pur somma opera del Preti ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Claudio Strinati, da Il Giornale dell'Arte numero 307, marzo 2011


  • Caravaggio, «San Girolamo scrivente», La Valletta, Malta, Oratorio di San Giovanni

Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012