Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Quella testa a Londra veniva da Sabratha

Londra. Una «testa di donna romana» in marmo, venduta il 14 aprile scorso durante un’asta di Christie’s a Londra, è risultata essere frutto di un furto in Libia. Il reperto, acquistato da un italiano per 91.250 sterline (103.600 euro circa) e ora recuperato dai Carabinieri, era stato descritto dalla casa d’aste come «ritratto in marmo di una donna romana, databile al I secolo d.C. circa», ma di probabile fattura «orientale, forse egiziana». I dati sulla provenienza citavano: «collezione privata, Svizzera, 1975 circa; acquistata dal proprietario attuale in Svizzera nel 1988», ma, nei giorni dell’asta, un archeologo aveva contattato Christie’s per segnalare che il lotto in questione, il n. 261, era la testa di una statua conservata presso il Museo di Sabratha, a ovest di Tripoli. Scolpita in origine come pezzo separato dal corpo, era poi stata staccata e trafugata nel 1990. Queste informazioni lasciano supporre che la provenienza attestata da Christie’s non fosse corretta e, al proposito, il mese scorso, un portavoce della casa d’aste ha dichiarato a «The Art Newspaper»: «Abbiamo ricevuto maggiori informazioni solo dopo l’asta, e abbiamo quindi proceduto a invalidare l’acquisto attivando una collaborazione con tutti gli attori coinvolti per il rientro dell’oggetto». Dal canto suo, l’acquirente italiano ha spontaneamente rinunciato al proprio diritto di proprietà e verrà ora rimborsato. La «testa», ora, dovrebbe essere riportata in Libia.
Il 28 settembre un team internazionale di esperti di beni culturali si è recato a Sabratha (cfr. box in alto), analizzando, durante la visita, anche il corpo della scultura di cui essa è parte. Il sopralluogo ha messo in evidenza che i danni subiti dal museo e dai reperti archeologici sono di entità modesta; più consistenti gli effetti delle armi da fuoco e dell’artiglieria contraerea sul teatro di Sabratha, risalente al III secolo d.C.: la recinzione metallica lungo il perimetro del sito archeologico è stata parzialmente distrutta dalle forze governative durante gli scontri con i ribelli di agosto.

M.B., da Il Giornale dell'Arte numero 314, novembre 2011


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012