Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Le belle maioliche bolognesi

Caffettiera con coperchio ,decoro con ramo fiorito uccello e fiori recisi in monocromia blu Alt. cm 23  Manifattura Colle Ameno – Marchese Ghisilieri 1759 - 1768 Collezione privata

Bologna. Da un’idea di Francesco Cristiani e Luisa Foschini, collezionisti specializzati in maioliche, dal 26 novembre al 4 marzo il Museo Civico Medievale presenta la produzione artistica della maiolica bolognese settecentesca nella mostra «Le più belle maioliche. Capolavori di Colle Ameno, Rolandi e Finck nella Bologna del Settecento», periodo in cui fiorirono le manifatture del marchese Filippo Carlo Ghisilieri (1706-65) a Colle Ameno di Zola Predosa (nella foto, una caffettiera), quelle di Antonio Rolandi e quella dei fratelli viennesi Giuseppe e Leopoldo Finck a Porta San Vitale. Gli studi recenti di Luisa Foschini e Piero Paci illustrano in mostra l’evoluzione delle tecniche e degli stili decorativi delle fabbriche bolognesi e analizzano l’impatto e la reciproca interazione stilistica, produttiva e commerciale delle manifatture di Bologna con la produzione faentina, nella quale si imponeva la manifattura dei conti Ferniani. Le officine Finck, Rolandi e Colle Ameno-Ghisilieri si mossero con successo sugli stilemi decorativi già in uso sia a Faenza sia nella tradizione maiolica del Nord Europa: motivi all’orientale, floreali policromi, nature morte, paesaggi di fantasia e capricci con rovine. I ceramisti delle fabbriche bolognesi si distinsero per la reinterpretazione sia dei motivi orientali e rococò sia del clima arcadico della cultura settecentesca, grazie anche all’innovativa tecnica del terzo fuoco, di cui furono maestri indiscussi proprio i fratelli Finck e che consiste nell’applicazione dei colori sull’oggetto già «cristallinato», cioè invetriato e perciò già sottoposto a due precedenti cotture. La mostra presenta l’analisi stilistica, economica e politica delle vicende produttive bolognesi, con la proposta anche di nuove assegnazioni, esponendo circa 160 pezzi, perlopiù inediti provenienti da collezioni private affiancati a pezzi delle Collezioni Comunali d’Arte di Bologna e del Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. Catalogo Allemandi a cura di Francesco Cristiani, Luisa Foschini e Piero Paci.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, da Il Giornale dell'Arte numero 314, novembre 2011


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012