Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Sanguineti, cultura e realtà

La copertina di «Cultura e realtà» di Sanguineti

Amico e compagno di strada di artisti come Baj, Bueno o Carol Rama, Sanguineti non ha scritto spesso di arte contemporanea, né si è definito un critico d’arte. La densità degli interventi pubblicati sul «Verri» e «Marcatré» in un breve giro di anni, 1959-64, è tuttavia tale che occorre riconsiderare il ruolo del critico letterario e poeta anche con riferimento alle arti visive. Posizioni e prospettive adottate lasciano tracce profonde nella critica d’arte italiana del decennio e contribuiscono a orientare ricerche, orientamenti, coalizioni. L’interesse è per l’intreccio di arte e mondo, estetica e politica. L’esigenza è neofigurativa. Esemplifichiamo. Nel 1962 Sanguineti commenta la mostra torinese sul secondo Futurismo. Esprime dubbi sull’«entusiasmo» di riscoperta che circonda l’iniziativa. Si rivolge a Enrico Crispolti, curatore dell’esposizione, e lo avverte del carattere velleitario di tanta arte astratta italiana tra le due guerre, modernista solo in apparenza. La polemica, rilanciata a distanza di pochi anni da Paolo Fossati, interlocutore e amico, investe indirettamente le neoavanguardie e la questione dei rapporti tra intellettuali, società, politica. Nel 1963, a Roma, Sanguineti presenta la monografia che Brandi ha appena dedicato a Burri. Avvicina Burri da sinistra, in chiave neomarxista. Appare bonificare ideologicamente l’artista umbro: ma sottotesto dell’interpretazione, prudente, a suo modo grandiosa, è l’anticapitalismo di destra, quasi che Jünger o Heidegger, predilezioni giovanili, sorreggano almeno in parte, nell’occasione, le argomentazioni progressiste. Inventa un Burri neofigurativo e sociologico, allegorista della società industriale e del conflitto operaio, che la generazione «poverista» (pensiamo a Pistoletto, Zorio, a Kounellis) è pronta a assimilare. «Nella pittura di Burri, afferma, siamo chiamati a riconoscere perpetuamente che “questo è questo”». Di lì a poco Celant parlerà di «tautologie»: mostrerà di avere fatto proprio l’appello a un’arte «epica» che non proponga illusione né «catarsi».

Nel 1965 Sanguineti scrive della cultura d’avanguardia a Napoli, per lui «il centro più vivo di cultura figurativa che esista in Italia». Richiama gli orientamenti neofigurativi, tra nucleare e neodada, al tempo presenti in città, e ne celebra il «feroce» radicamento territoriale. Impiega parole che tornano utili circa quindici anni dopo, quando si tratterà di lanciare quella che si è poi chiamata Transavanguardia. «Caso unico al mondo, afferma, “Pop” indica oggi a Napoli veramente ciò che è “popolare”, l’orizzonte intero della mitologia locale, aulica e volgare, dotta e folkloristica».
q Michele Dantini

Cultura e realtà, di Edoardo Sanguineti, a cura di Erminio Risso, 352 pp., Feltrinelli, Milano 2010, € 28,00

Michele Dantini, edizione online, 31 gennaio 2011


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012