Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Nel vortice di Ezra Pound

David Bomberg, «The Mud Bath». © Tate © The Estate of David Bomberg

Venezia. Marinetti avrebbe voluto farne la versione inglese del Futurismo: per questo, dal 1910,  si recò più volte a Londra per conferenze e serate, ma i vorticisti rifiutarono l’affiliazione pur ammettendo il debito di riconoscenza nei confronti del Futurismo e del Cubismo. Vorticismo deriva da «vortex», termine che esprime il massimo dell’energia, coniato dal poeta Ezra Pound nel 1913 a Londra, e vorticisti si definirono i pittori, scultori e scrittori che si riconoscevano in Percy Wyndham Lewis, fondatore della rivista «Blast», in cui nel 1914 compare l’aggettivo «vorticisti». È un movimento poco noto in Italia, per questo è positivo che la Collezione Peggy Guggenheim ospiti, dal 29 gennaio al 15 maggio, la mostra «I vorticisti: artisti ribelli a Londra e New York, 1914-1918» a cura di Mark Antliff e Vivien Greene, moderatrice anche del convegno che si terrà il 29 gennaio. Cento le opere esposte tra dipinti, sculture, disegni, fotografie e stampe. Il movimento ebbe breve vita e non resse alla tragedia della prima guerra mondiale, nella quale morì, a 23 anni, l’unico francese del gruppo, Henri Gaudier-Brzeska. Il percorso inizia con le opere più significative: da «Rock Drill» di Jacob Epstein a «The Mud Bath» di David Bomberg, da «Hieratic Head of Ezra Pound» di Gaudier-Brzeska fino all’icona del movimento, «The crowd» di Wyndham Lewis. Le sale successive ricostruiscono, fin dove possibile, le tre  esposizioni più importanti del gruppo: alla Doré Gallery di Londra nel 1915; al Penguin Club di New York nel 1917, cui seguì, un’esposizione di fotografie al Camera Club di Londra.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 305, gennaio 2011


Ricerca


GDA gennaio 2020

Vernissage gennaio 2020

Il Giornale delle Mostre online gennaio 2020

RA Case d

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012