Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Il Tel Aviv Museum perde 624 opere della collezione e ne trova altre 2.495

Tel Aviv (Israele). Il Tel Aviv Museum of Art non riesce più a trovare 624 opere della sua collezione a causa di un difetto di vecchia data nel sistema di catalogazione. Un recente rapporto della Haia Horowitz, società municipale di revisione dei conti, ha scoperto che centinaia di opere sono state classificate come smarrite o non identificate. Il direttore del museo Mordechai Omer ha rivelato che l’intero sistema di catalogazione è computerizzato, ma che non esiste un software per registrare la movimentazione delle opere. Il museo ha anche «trovato» 2.495 opere che non compaiono nei suoi cataloghi. Omer sospetta che tra queste vi siano anche le 624 opere «scomparse». Il Ministero della Cultura israeliano richiede al museo un inventario ogni otto anni, ma l’ultimo completo risale al 1992 e, prima, al 1975. Il museo sta ora cercando di identificare tutte le opere della sua collezione e ha già portato a termine quasi il 40% delle ricerche. Il Dipartimento di disegni e stampe è quello più colpito: si sono perse le tracce di centinaia delle sue 25mila opere su carta.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Rob Curran , da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia Romagna Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere nelle Marche Luglio-Agosto 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012