Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Testatina

Sul Museo della Mafia di Salemi (Tp), voluto da Vittorio Sgarbi

Un morto ammazzato incastonato in un pilone di cemento

Una macchia di sangue si allarga a formare la Sicilia: dal logo shock di Oliviero Toscani
in poi tutto al Museo della Mafia di Salemi voluto dal sindaco Vittorio Sgarbi si tinge
di colori forti. La brutalità ha costretto lo stesso Sgarbi a vietare ai minori la cabina-
macello con immagini e video cruenti di delitti mafiosi. È una delle dieci cabine elettorali
a introduzione «iniziatica» al percorso museale, tre minuti per ciascuna per calarsi
nei tasselli che compongono la storia di Cosa nostra (stragi, intimidazione, sanità,
business dell’energia e dell’acqua). Ci sono anche le installazioni di Cesare Inzerillo (con
tanto di morto ammazzato incastonato in un pilone di cemento), le vittime della mafia
ritratte dal fiammingo Patrick Ysebaert e una decina di tele del pentito Gaspare Mutolo.

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


  • Due cabine tematiche all'interno del Museo della Mafia

Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012