Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni & Documenti

Aperto per restauri

Stacco sì, stacco no

In ogni caso un affresco staccato non è un dipinto

Scorcio dei depositi degli affreschi staccati di Palazzo Pitti

«Gli stacchi non si fanno (quasi) più», si intitolava anni addietro un mio intervento sulla rivista di restauro «Kermes». In quella sede invitavo a  tener conto da un lato che le progredite tecniche di consolidamento in loco delle pitture murali consentono oggi di evitare in massima parte gli stacchi degli affreschi, dall’altro che nel caso (raro, ma non inesistente) in cui proprio non esistessero alternative, di fronte alla perdita totale dell’opera risultava ancora concepibile ricorrere a un’operazione di rimozione dal supporto muro. Sta di fatto comunque che in passato l’estesa «stagione degli stacchi» (Paolucci), in certi casi eseguiti come misura preventiva o allo scopo di riscoprire le sinopie, ha prodotto migliaia di metri quadri di murali staccati che soltanto in parte, per mille ragioni, essi sono stati riposizionati sulla parete di provenienza.
Agli stacchi di affreschi è dedicato un bellissimo contributo di Simona Rinaldi dell’Università di Viterbo pubblicato nel volume Musei anni ’50: spazio, forma, funzione di Maria Cecilia Mazzi intitolato (264 pp., Edifir, Firenze 2009, e 20,00).
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Giorgio Bonsanti, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012