Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Dromocrazia da frenare

Firenze. La tensione dell’accelerazione moderna in un’opera di Arcangelo Sassolino, il monologo di una donna nevrotica di Tamy Ben-Tor, il contrasto tra tempo vissuto e tempo reale nel progetto di Feite Stolte, il deperimento delle cose in una paradossale «accelerazione immobile» di Michael Salistorfer o la fisicità del tempo nelle sculture di Jens Risch; ma anche la donna intrappolata nel proprio appartamento di Reynold Reynolds, la videoinstallazione di Marnix de Nijs, la cascata di parole chiave prese da internet di Julius Popp, l’ansia da prestazione di Marco Pantani di Marzia Migliora e l’orologio digitale con circuito umano di Marc Formanek, sono le risposte che alcuni artisti danno al tema della mostra «L’accelerazione nella società contemporanea», in corso alla Strozzina di Palazzo Strozzi sino al 18 luglio. L’accellerazione è infatti il paradigma di riferimento della società contemporanea, in cui il mito dell’iper-attività influenza tutti i settori della vita invadendo la sfera privata: una «dromocrazia», la definisce Paul Virilio, per cui «se il tempo è denaro, la velocità è potere».

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Laura Lombardi, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012