Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Serralunga come l’ultimo Monet

Luigi Serralunga, «Meditazione», 1927

Verbania. Per tutta l’estate il Craa (Centro ricerca arte attuale) di Villa Giulia ospita «Luigi Serralunga. Tra Simbolismo e Liberty», mostra dedicata al pittore torinese interprete della cultura artistica italiana a cavallo fra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Fino al 17 ottobre è esposta un’ottantina di opere da collezione pubbliche e private (in mostra anche trenta fotografie di Serralunga raffiguranti in buona parte nudi femminili delle sue modelle) che illustrano il percorso dell’artista: nato a Torino nel 1880, Serralunga si iscrive nel 1896 all’Accademia Albertina di Belle Arti e tra i suoi insegnanti figura anche Giacomo Grosso, pittore giunto al successo con la prima Biennale di Venezia e sicuramente il principale riferimento nella formazione artistica del giovane Luigi. Fino al 1939, anno precedente la sua morte, partecipa annualmente alla rassegna organizzata presso la Società Promotrice di Belle Arti di Torino, affermandosi nella scena artistica torinese in cui operano anche Lorenzo Delleani, Cesare Saccaggi, Leonardo Bistolfi e Giovanni Guarlotti.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Emmanuele Bo, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012