Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

Un misterioso gentiluomo

L’ultima scoperta di Carlo Orsi: un capolavoro di Pontormo

Pontormo, «Ritratto di gentiluomo»

milano. La voce che Carlo Orsi avesse ritrovato un capolavoro del Pontormo correva da qualche tempo fra gli studiosi, ma solo ora c’è stata la conferma e solo ora lo si potrà vedere da vicino, dal 10 giugno, nella sua galleria milanese: il capolavoro ritrovato è il «Ritratto di gentiluomo» pubblicato per la prima volta da Roberto Longhi (su «Paragone», nel 1952), che lo assegnava al Pontormo e lo annoverava fra le sue prove più alte di ritrattista. Longhi naturalmente lo vide, ma dopo di lui nessuno più vi aveva avuto accesso. Così il dipinto fu poi giudicato con maggiore prudenza da più d’uno studioso (ma non da Zeri), fino a che il suo recente riapparire non ne ha permesso la visione, mettendo definitivamente tutti d’accordo sulla nobile paternità: ora che l’hanno visto non c’è studioso, in Europa o negli Stati Uniti, che non concordi con Longhi sull’autografia di questo ritratto, riconoscendone la qualità superlativa. Tutti lo collocano tra il 1541 e il 1544, vicino al «Monsignor Della Casa» della National Gallery di Washington, il che ne fa uno dei rari dipinti giunti sino a noi dell’ultima sua stagione, quando l’ombroso, lunatico maestro, tanto apprezzato da Michelangelo quanto inviso a Vasari per l’eccentricità del carattere, non meno che della pittura (e così amato invece, per le identiche ragioni, nel Novecento) era come travolto dall’impresa, poi andata perduta, di San Lorenzo. E anche chi prima ipotizzava un intervento della bottega nella veste (perché era ben evidente che il volto, con quegli occhi tanto febbrili e spiritati, non poteva essere che di sua mano), ora ne riconosce la piena autografia: per quella «morbidezza e rapidità dell'esecuzione», scrive Philippe Costamagna, tanto rare a Firenze, che sono invece un segno inconfondibile della pittura di questo genio bizzarro e saturnino.
© Riproduzione riservata

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012