ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Londra

L'artista pavone nell'occhio del ciclone

Alla Tate Modern Francis Alÿs, un belga che vive in Messico dove inscena spettacolari e assurde performance: nell’ultima lotta con un tornado

La performance «When Faith Moves Mountains» (2002) di Francis Alÿs in collaborazione con Cuauhtémoc Medina e Rafael Ortega. Cortesia di Francis Alÿs e David Zwirner, New York © Francis Alÿs

Londra. Che sia impegnato a spingere un blocco di ghiaccio per le strade di Città del Messico, a convincere 500 studenti a spostare una montagna di sabbia o a liberare una volpe nelle sale della National Portrait Gallery di notte, Francis Alÿs ha offerto performance indimenticabili in contesti urbani, in mezzo alla natura o negli oceani, lungo le frontiere o attraverso i continenti e persino nell’occhio di un tornado. Le azioni di Alÿs affrontano complessi temi storici e politici, sempre legati a un luogo specifico. L’artista utilizza tecniche diverse, fotografia, pittura, film, disegno e animazione. Nato in Belgio nel 1959, Alÿs ha studiato architettura a Venezia e ha vissuto in Messico quasi quindici anni; nonostante la fama internazionale, cerca di sfuggire alla trappola del successo: quando gli è stato chiesto di partecipare alla Biennale di Venezia del 2001, ha mandato un pavone al suo posto. Ora però, con un’importante mostra aperta alla Tate Modern dal 15 giugno al 5 settembre  e che farà tappa al Wiels di Bruxelles e al MoMA di New York, sembra che questo artista schivo e riservato, che abbiamo intervistato, sia destinato a stare per un po’ sotto i riflettori.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Louisa Buck, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Francis Alÿs
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012