Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Giacomelli privato

Mario Giacomelli, dalla serie «Io non ho mani che mi accarezzino il volto», 1961-1963, gelatin silver print, 24,9 x 19,7 cm © Simone Giacomelli

Roma. Fino al 25 luglio Cinecittàdue Arte Contemporanea, con l’organizzazione di Bruna Marchini, dedica una retrospettiva a Mario Giacomelli, esponendo 99 opere fotografiche inedite, provenienti da una collezione privata. L’arco cronologico della mostra va dal 1954 al 2001 e include tutti i cicli più noti, tra cui «Scanno» (1957-59), che consacrò il suo talento anche grazie all’acquisto del MoMA nel 1963; «Io non ho mani che mi accarezzino il volto» (1961-63), ovvero i seminaristi colti nei momenti di ricreazione, il suo soggetto più popolare; «Verrà la morte e avrà i tuoi occhi» (1954-60), una delle sue indagini più feroci condotte all’interno dell’ospizio; nonché «Presa di coscienza sulla natura» (1977-79), che trasforma in texture astratta la terra marchigiana, rafforzando i «segni» del lavoro dell’uomo. In catalogo un testo di Marco Lodoli.

Francesca Romana Morelli, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


  • Mario Giacomelli, dalla serie «Scanno», 1957-1959, gelatin silver print, 10 x 15 cm © Simone Giacomelli
  • Mario Giacomelli, una foto della serie «La buona terra» (1964-65) © Simone Giacomelli

Ricerca


GDA febbraio 2020

Vernissage febbraio 2020

Il Giornale delle Mostre online febbraio 2020

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012