Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

La vita di Cocteau in una casa e un giardino

Un grande salone nella Maison Cocteau a Milly-la-Forêt

Milly-la-Forêt (Essonne). Dopo cinque anni di lavori, apre al pubblico, il 24 giugno, la Maison Jean Cocteau. L’ultimo compagno dell’artista-poeta, Edouard Dermit, ha conservato questa casa di campagna come l’aveva lasciata Cocteau, deceduto nel 1963. Dermit, scomparso a sua volta nel ’95, ha lasciato i diritti morali dell’opera di Cocteau a Pierre Bergé, l’imprenditore del lusso compagno di Yves Saint-Laurent, che ora è presidente del Consiglio di Amministrazione della casa-museo, restituita nella sua forma originale dall’architetto François Magendie e dai due curatori della mostra «Jean Cocteau» ospitata al Pompidou nel 2003, Dominique Païni e Nathalie Crinière. La casa era stata acquistata da Cocteau nel ’47, assieme all’attore Jean Marais. È stata il teatro della creazione delle sue opere più significative, 500 delle quali sono ora conservate qui, dono di Edouard Dermit. Una prima selezione è esposta in una mostra temporanea che accompagna l’apertura. Cocteau ha vissuto in questa casa gli ultimi diciassette anni della sua vita ed è sepolto nel cimitero della cittadina, alla Chapelle Saint-Blaise-des-Simples, dove aveva realizzato degli affreschi, che si possono visitare.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Anna Maria Merlo, da Il Giornale dell'Arte numero 299, giugno 2010


  • La Maison Jean Cocteau a Milly-la-Forêt

Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012