Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Graffiti

Graffiti

Ritorno a Est

«Nel 1886 Paul Durand-Ruel, un mercante parigino, stipò i propri bagagli con 300 dipinti dell’Impressionismo (ivi compresi corposi nuclei di opere di Renoir, Pissarro e Sisley) da portare in America. Fu seguito poco dopo da un britannico, Joseph (più tardi Lord) Duveen, che aveva capito, come Durand-Ruel, che “l’Europa aveva l’arte e l’America aveva il denaro”. Proprio come la pittura antica europea e i dipinti impressionisti che in quei giorni iniziarono a trasferirsi inesorabilmente ad Ovest, sull’altra sponda dell’Atlantico, al giorno d’oggi le ceramiche e gli oggetti d’arte cinesi dall’America, dalla Gran Bretagna, dalla Francia e dall’Olanda salpano verso Est, di ritorno in Cina. È dalla fastosa epoca delle esportazioni d’arte in America di Duveen e di Durand-Ruel che non si vedeva una migrazione di beni culturali di tali dimensioni da una parte all’altra del mondo». 
Da un’inchiesta sul mercato dell’arte dell’«Economist» a firma di Fiammetta Rocco e Sarah Thornton, 28 novembre 2009


...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Fiammetta Rocco e Sarah Thornton, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012