Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fulmini e saette

Da Eros a Cupido

Fino al 6 aprile il Museo di Arte Cicladica di Atene presenta la mostra «Eros: dalla Teogonia di Esiodo alla tarda antichità» con oltre 280 manufatti provenienti da musei di Grecia, Cipro, Italia e Francia. Il dio dell’amore, della lussuria e del desiderio era una divinità popolare nell’antichità, soggetto molto amato da commediografi, poeti e artisti. In mostra l’evoluzione della percezione del dio greco a partire dall’VIII secolo a.C., quando era considerato una divinità influente, fino al periodo romano (Cupido) quando perse parte della sua importanza per essere relegato al ruolo di compagno di Venere. In letteratura uno dei primi riferimenti a Eros compare nella Teogonia di Esiodo secondo il quale il dio è «il più bello tra gli dei: soggioga la mente e l’intelletto delle altre divinità e degli uomini tutti»

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

E.S., da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012