Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni & Documenti

L'Avvocato dell'Arte

Patrimonio reale e dichiarato

Il valore dichiarativo del «vincolo», prevalso nella nostra legislazione su quello costitutivo, fraintende il concetto di bene culturale

Molti anni fa, tra gli esperti di diritto dei Beni culturali, si disputava se l’apposizione del vincolo, allora denominato «notifica» e tale ancor oggi inteso nel gergo, avesse valore costitutivo o dichiarativo. L’opzione, in un senso o nell’altro, significava questo: se il vincolo ha natura costitutiva, imprime alla cosa un carattere prima assente e quindi l’attrae nell’area protetta dei beni culturali; se il vincolo ha natura dichiarativa, la qualità intrinseca di bene culturale particolarmente importante preesiste al provvedimento  amministrativo, il quale non ha altra funzione che riconoscerla. Raffaele Tamiozzo, avvocato dello Stato e docente di Diritto dei Beni culturali, propendeva per la seconda soluzione (natura dichiarativa) e con la forza della sua riconosciuta autorità, la sua tesi ha finito per trionfare, nonostante le perplessità da me espresse.  Per effetto di tale mutamento di indirizzo, l’art. 13/1 del Codice dei Beni culturali recita testualmente «la dichiarazione accerta la sussistenza, nella cosa che ne forma oggetto, dell’interesse richiesto dall’art.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Fabrizio Lemme, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012