Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Milano

Un Egon smisurato

A Palazzo Reale l'interprete profetico di un mondo in disfacimento

milano. Fra i massimi artisti del primo Novecento, Egon Schiele è stato forse quello che più di ogni altro ha saputo interpretare le angosce del nuovo secolo. Lo sfondo su cui si svolse la sua breve vita (nato nel 1890, morì nell’epidemia di «spagnola» del 1918) è la Vienna che viveva, inconsapevole, i suoi ultimi anni di fasto. Nello stesso 1918 si chiuderà infatti la vicenda dell’impero austro-ungarico, rivoluzionando la geografia politica dell’Europa. Schiele seppe interpretarne profeticamente il disfacimento: i suoi dipinti e i suoi meravigliosi disegni, tracciati con un tratto nervoso e sussultante e campiti di colori di segno espressionista, sono una «mappa» per orientarsi in quella cultura, la stessa in cui, non a caso, operava anche Freud. Quaranta dipinti e opere su carta di Schiele, tra i quali un capolavoro come «Autoritratto con alchechengi», compongono la mostra «Schiele e il suo tempo», prodotta da Palazzo Reale, che la ospita dal 23 febbraio al 6 giugno, e da Skira, che pubblica anche il catalogo, in collaborazione con il Leopold Museum di Vienna, dove si conserva la più ricca e importante raccolta di opere dell’artista austriaco.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010


  • Egon Schiele, «Nudo disteso», 1917, olio su tela, 96x171 cm. Vienna, Leopold Museum

GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012