Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Madrid

L’Astrattismo sboccia dalle ninfee

Monet e i suoi ammiratori, da Pollock a Sam Francis

Claude Monet, «Ninfee», 1907. Houston, Museum of Fine Arts

madrid. Il Museo Thyssen-Bornemisza e la Fundación Caja Madrid ospitano dal 23 febbraio al 30 maggio la mostra «Monet e l’astrazione». Attraverso un centinaio di opere, la curatrice Paloma Alarcó vuole rafforzare la già consolidata lettura della produzione del pittore impressionista come radice di tanta parte dell’arte astratta del secondo ’900. Dagli eterei paesaggi londinesi fino alle rappresentazioni monumentali del suo giardino di Giverny, «Ninfee» incluse, ovviamente, dove trascorse gli ultimi quarant’anni di vita, viene analizzata l’ossessione di Monet per l’istantaneità della percezione e del tempo, cosa che lo portò a sfocare la rappresentazione pittorica. La sua opera fu etichettata come anacronistica dalle correnti d’avanguardia che dominarono l’inizio del XX secolo, ma negli anni Cinquanta una nuova generazione di artisti americani ed europei (in mostra, Jackson Pollock, Mark Rothko, Willem de Kooning, Sam Francis, Joan Mitchell, Adolph Gottlieb, André Masson, Philip Guston e Gerhard Richter) lo rivalutò come il profeta delle correnti materiche della pittura moderna.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Roberta Bosco, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010


  • Clyfford Still, «Senza titolo», 1965. Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza

GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012