Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Vent’anni fa

Tate in moto perpetuo

Il numero del febbraio 1990 appare significativo perché ci offre la cronaca di un mese di ordinaria amministrazione. Non mancano interventi di straordinario interesse (per esempio, in «Vernissage», i ritratti in diretta di personaggi come Steingräber, Recht intervistato da Adalgisa Lugli, Jean Clair, Armin Zweite nel momento in cui succedeva a Schmalenbach alla guida del prestigioso museo di Düsseldorf della Renania Settentrionale-Westfalia). Intanto sul «mostrismo», un sarcastico editoriale («Insalata russa») sull’inflazione di mostre di arte russa: sei in Italia contemporaneamente (L’incipit: «I nostri 007 dell’arte tornano dalle steppe russe con l’aria affranta ma trionfante di predatori dell’arca perduta recandoci i loro trofei...»). Ma subito un altro titolo ci riporta all’eterno lamento dei quattrini: «La Biennale degli straccioni» (Carandente poteva contare sull’equivalente di 1,75 milioni di euro per le Arti visive). Viene tuttavia quasi nostalgia di quel periodo che sembrerebbe quasi aureo rispetto all’attuale, ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012