ALLEMANDI NUOVO SITO 970x90
Il giornale dell'Arte

Notizie

Nominato alla Biennale e al MaXXI

Lo Sgarbo di Bondi ai «degenerati» contemporanei

Che cosa progetta Vittorio Sgarbi per il Padiglione Italia e per gli acquisti del Museo nazionale delle arti del XXI secolo

Un'opera di Ottavio Mazzonis

roma e venezia. Felice per la doppia nomina a Venezia e a Roma, Vittorio Sgarbi è un fiume in piena. Dichiara tutta la propria «alterità» rispetto al «sistema dell’arte» che ha fino ad ora retto le sorti del contemporaneo in Italia, ma, sotto sotto, non rinnega il passato e non rifiuta in toto i miti consolidati, nemmeno i maestri dell’Arte povera che sono stati l’oggetto dei suoi strali, anche recenti. «Non sono mica stupido. Non voglio certo dire, e non lo penso neanche, che Kounellis, Merz e Penone siano da rifiutare in blocco. Anzi. Voglio però che sia riconosciuto come legittimo, anche da un punto di vista culturale, che al loro fianco un museo d’arte contemporanea che si dice nazionale accolga anche, per rimanere a Torino, patria del poverismo, Carol Rama, Pinot Gallizio e, addirittura, Sergio Saroni e Ottavio Mazzonis. Pittori dalla mano felicissima». È una questione di «et et», quindi, «non certo di aut aut». Non lo sarà a Venezia, dove il Padiglione Italia del 2011, «benché richieda una riflessione con tempi lunghi, sarà una questione facilmente risolvibile per quanto problematica.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Alessandro Martini, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Un'opera di Tano Festa
  • Un'opera di Matthew Spender
  • Un'opera di Bertozzi e Casoni
  • Un'opera di Fabrizio Clerici
  • Vittorio Sgarbi
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012