ALLEMANDI NUOVO SITO 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Inchiesta

A dieci mesi dal terremoto

Tutti i ritardi dell’Abruzzo

Pioggia e neve aumentano i rischi. Arrivati 50 milioni, servono 3 miliardi. Italia Nostra: usare quelli del Ponte di Messina

l’aquila. Più del 70 per cento dei beni storico artistici, delle chiese e monumenti del centro storico dell’Aquila «sono senza protezione, aggrediti dalla neve e dalla pioggia, destinati a un degrado irreparabile». L’allarme è di Alessandra Mottola Molfino, presidente di Italia Nostra. A dieci mesi dal terremoto «la vera ricostruzione della città non è ancora cominciata». L’inverno sta distruggendo quello che è rimasto tra le macerie mai rimosse delle chiese il cui tetto è crollato e che non hanno ancora una copertura. Cadono a pezzi e si sbriciolano stucchi, decorazioni, portali, altari, confessionali. Il degrado investe la stragrande maggioranza delle chiese aquilane, compresa l’importante Santa Maria Paganica. Eccezioni: Santa Maria di Collemaggio e Anime Sante, «coperte» da strutture provvisorie. D’altra parte, della famosa «lista nozze», 45 adozioni di palazzi e chiese promesse durante il G8 dai grandi della terra, soltanto dieci sono state davvero finanziate (cfr. n. 293, dic.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Tina Lepri, da Il Giornale dell'Arte numero 295, febbraio 2010

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012