GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Il garante terzo alle aste acquista solo per passione

A più di un anno di distanza da quando Sotheby’s ha cominciato a segnalare nei cataloghi d’asta le cosiddette «irrevocable bids», alcuni sono ancora incerti su che cosa esso significhi. Queste «ib» sono un rivolgimento della garanzia «diretta», i contratti, che ora le case d’asta non stipulano più, con un minimo garantito al venditore, qualsiasi esito l’opera in vendita abbia all’asta. Nel peggiore dei casi, se l’opera rimane invenduta la società di vendita ne sarà proprietaria. Nel migliore (quello in cui l’opera viene venduta al di sopra della cifra garantita) casa d’aste e venditore normalmente si dividono il surplus. Le «irrevocable bids» vennero ideate da Sotheby’s circa 15 anni fa come un mezzo per trasferire la propria esposizione a una terza parte. Christie’s ha iniziato a praticare accordi simili negli ultimi cinque anni. Dal 2008 Sotheby’s identifica nei cataloghi quali lotti siano garantiti dalla casa d’aste (con un piccolo cerchio) e quali siano invece garantiti da anonimi terzi (un cerchio più un ferro di cavallo).
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Lindsay Pollock, da Il Giornale dell'Arte numero 294, gennaio 2010

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012