ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Al MoMA si (ri)comincia da un disegno

Il «grado zero» dell’arte di metà Novecento

«Senza titolo (Disegno di fumo)» (1959) di Otto Piene, New York, MoMA. © 2019 Otto Piene / Artists Rights Society (Ars), New York / VG Bild-Kunst, Germany

Modesto, diretto, immediato: il disegno, secondo molti artisti e critici attivi a metà del secolo scorso, rappresentava una sorta di «grado zero» dell’arte. In un mondo appena scosso dal secondo conflitto mondiale, in cerca di nuovi valori e significati, anche l’arte desiderava ricominciare da capo, avviare una fase di «ricostruzione» estetica attraverso un medium da sempre legato a un’idea di freschezza e invenzione creativa.

Un’attitudine che il MoMA tenta di esplorare in una nuova mostra («Degree Zero: Drawing at Midcentury», aperta fino al 6 febbraio) che raccoglie circa cento disegni dalla collezione, tutti realizzati in un arco temporale che va dal 1948 al 1961 da parte di artisti di varie generazioni e molteplici provenienze: dagli Stati Uniti all’America Latina, dall’Asia all’Europa, in un approccio «globale» volto a rivelare, in quel determinato momento storico, l’universalità di tale sentimento nei confronti del disegno.

Tra i lavori esposti, un nucleo di opere in cui graffi e segni simili a scarabocchi dimostrano la necessità di un «ritorno alle origini», come i «graphismes» di Jean Dubuffet o i «Graphis» dell’artista Fluxus Dick Higgins. Altre tendenze documentate in mostra sono il disegno calligrafico (come nei lavori di Franz Kline, David Smith e Norman Lewis, influenzati dalla calligrafia giapponese) e il disegno di origine performativa, indissolubilmente legato al movimento: caso esemplare è quello di Otto Piene, i cui disegni di fumo e fuliggine testimoniano la radicalità di un’azione estrema e rigenerante, quella di dare la carta (il supporto stesso dell’opera) alle fiamme.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 412, novembre 2020

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA ABBONAMENTI 2021 gif CALENDARIO MOSTRE 2021
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012