Le collezioni Schukin e Morozov: una saga russa

I musei Ermitage e Pushkin riuniranno le loro opere per una serie di mostre dedicate in entrambe le sedi a partire da giugno

Sophia Kishkovsky |

Mosca. Un quartetto di mostre celebrerà le collezioni di arte impressionista francese e di arte moderna raccolte nella Mosca dei primi del ’900 da Sergei Schukin e dai fratelli Ivan e Mikhail Morozov. Entrambe le collezioni vennero confiscate dopo la rivoluzione bolscevica e successivamente divise tra il Museo Statale di Belle Arti Pushkin di Mosca e il Museo di Stato dell’Ermitage di San Pietroburgo.

I musei riuniranno ora le loro opere per una serie di mostre dedicate ai collezionisti in entrambe le sedi, a partire dal prossimo mese di giugno. Fanno seguito a «Icone d’arte moderna. La collezione Schukin», tenutasi alla Fondation Louis Vuitton di Parigi nel 2016-17 in collaborazione con Ermitage e Pushkin, che richiamò 1,2 milioni di visitatori. Nel 2017 la Fondation aveva annunciato una mostra delle collezioni Morozov alla fine del 2020. André-Marc Delocque-Fourcaud, il nipote francese di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Sophia Kishkovsky