Design, natura e welfare: la Finlandia celebra un secolo di indipendenza dalla Russia

Il Governo ha investito 12 milioni di euro in un programma di eventi speciali per rafforzare il senso di unità nazionale

Magnus von Wright, «La casa di Liljenstrand in inverno», 1860
Christian House |  | Helsinki

In un anno caratterizzato in tutto il mondo da mostre dedicate alla Rivoluzione russa, i musei finlandesi hanno celebrato con discrezione un altro centenario: i 100 anni dalla dichiarazione di indipendenza proprio dalla Russia, il 6 dicembre 1917.

Il Governo finlandese ha investito 12 milioni di euro in un programma nazionale di eventi speciali che «rafforzano il sentimento di unità». Ma Susanna Pettersson, direttrice dell’Ateneum Art Museum di Helsinki, che fa parte della Galleria nazionale finlandese, sottolinea che non ci sono state pressioni politiche sulle istituzioni.

L’Ateneum ha ricevuto finanziamenti per inviare in tour a musei regionali opere classiche della sua collezione, come «Il convalescente» (1888) di Helene Schjerfbeck. Dopo una grande mostra su Alvar Aalto, l’Ateneum sta ora terminando il suo programma espositivo per il 2017 con i fratelli Von Wright (fino al 25 febbraio 2018),
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Christian House