Dal Centro Botín al Yayoi Kusama Museum: le grandi aperture del 2017

Centro Botín, Courtesy Centro Botín
Alessia Zorloni |

Com’è ben dimostrato da un certo numero di libri e report pubblicati negli ultimi anni, sono sempre di più le famiglie di High Net Worth Individuals, che sono solite investire parte del proprio patrimonio nel collezionismo di opere d’arte. Le collezioni private offrono uno straordinario numero di opere ai propri fruitori ed eguagliano – e in molti casi superano, per numero e completezza – le collezioni delle istituzioni pubbliche, spesso penalizzate dall’eccessiva tendenza a lasciare in deposito una parte considerevole della propria collezione, impedendone di fatto la fruizione. Il 2017 è stato caratterizzato dal completamento di importanti progetti in giro per il mondo e dall’apertura di spazi museali privati in grado di influenzare e migliorare le città che li ospitano: ecco una selezione dei progetti più interessanti inaugurati nel 2017.
Centro Botín. Dove un tempo c’era un
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Alessia Zorloni
Altri articoli in IMPRESE