Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

notizie

L’impegno di Coop Alleanza 3.0 per l’arte. Al via la terza edizione di “Opera tua”

Sostegno al restauro di 8 opere d’arte di 8 regioni, votate online dai soci. Grazie alle tre edizioni, si arriverà a garantire il restauro di 23 opere.

Lavagne di Domenico Fetti, olio su lavagna, Palazzo Ducale, Mantova

Prosegue anche quest’anno l’impegno per il patrimonio culturale di Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa italiana, che riunisce 94 realtà associative di consumatori del sistema Coop in 11 regioni, nata nel gennaio 2016 dalla fusione di Coop Adriatica, Coop Consumatori Nordest e Coop Estense e dal gennaio 2018 raggiunta anche da Coop Eridana e Coop Sicilia. Da maggio a dicembre 2019 la terza edizione di “Opera tua” prevede il restauro di un’opera d’arte in 8 regioni italiane, scelta tramite votazione online dai soci tra le opere preselezionate da Fondaco Italia, società attiva nella valorizzazione dei beni culturali, in collaborazione con l’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco e le istituzioni territoriali, con l’obiettivo di recuperare opere che siano “espressione della cultura delle diverse aree e realizzate da artisti legati alle varie regioni”. L’iniziativa da quest’anno gode anche del patrocinio del Touring Club Italiano. Un percorso che fa tappa mensilmente in 8 regioni proponendo di votare, nell’apposita sezione del sito web della cooperativa, una tra le due opere minori proposte, solitamente ubicate nei musei di città di provincia che, con l’occasione, possono tra l’altro godere di grande visibilità sia nei 400 negozi della rete sia nel web.

L’iniziativa rientra nel più ampio progetto di Coop Alleanza 3.0 “1 per tutti 4 per te”, attraverso il quale l’1% degli acquisti di soci e consumatori relativi a prodotti a marchio Coop viene destinato a iniziative sociali e culturali e il 4% viene restituito al cliente come sconto del valore di 4€ ogni volta che raggiungi 100€ di spesa, anche su più scontrini. Attraverso l’iniziativa, vengono sostenuti progetti negli ambiti: nuove generazioni, sviluppo e diritti, alimentazione e salute, solidarietà, ambiente, per i più piccoli, socialità, consumi e cittadinanza, per gli animali. In ambito culturale, oltre al progetto Opera Tua, finanziato con l’1% degli acquisti della linea Fior fiore Coop, si sostengono iniziative e grandi appuntamenti culturali, ad esempio il Festival della Lentezza di Colorno (Pr) dal 14 al 16 giugno, il festival Deltablues a Rovigo e provincia dal 1° giugno al 14 luglio, il Festival Vicino/Lontano-Premio Terzani tenutosi a Udine dal 16 al 19 maggio. E ancora, mostre: nell’ambito del festival Fotografia Europea di Reggio Emilia, si è tenuta, dal 5 maggio al 2 giugno nello Spazio San Rocco, la mostra fotografica sul prodotto a marchio Coop che ha appena festeggiato i suoi 70 anni: “Coop_70. Valori in Scatola”, all’interno del circuito OFF; a Modena, Coop Alleanza 3.0 sosterrà la mostra multimediale Live in Modena che evidenzia il rapporto tra la città e la musica, che ha ospitato concerti di rilevanza internazionale negli anni ’80 e ’90. Inoltre, la cooperativa sostiene il concerto di The Liberation Project a Ferrara nell’ambito della Giornata Internazionale delle Cooperative che si terrà il 9 luglio prossimo. Dal 2001, grazie all’iniziativa “Ad alta voce”, Coop Alleanza 3.0 promuove incontri con autori contemporanei, oltre 700 dall’inizio della manifestazione, in luoghi simbolo e spazi urbani. A questo si aggiungono le convenzioni che la cooperativa sottoscrive al fine di garantire ai propri soci l’accesso agevolato a musei, teatri, cinema e altri luoghi della cultura.

Un programma, quello di “Opera tua”, che combina l’obiettivo del restauro di opere minori con la sensibilizzazione della cittadinanza verso la conoscenza e la tutela del patrimonio culturale locale. “È un progetto molto innovativo attraverso il quale sono state coinvolte migliaia di persone che hanno votato (nel 2018 sono state oltre 25.000) e che hanno seguito grazie al web lo stato avanzamento dei lavori. Dai territori sin dalla prima edizione è emerso il desiderio di partecipare e di prendersi cura di questo immenso patrimonio artistico. Un segnale che è arrivato molto forte anche dalla “periferia” ovvero quelle città di medio piccole dimensioni che concorrono a fare l’Italia il più bel Paese del Mondo! La gente ha apprezzato moltissimo la concretezza di questo progetto e, grazie all’attività di comunicazione, sia attraverso il web sia nei punti vendita di Coop Alleanza 3.0 (oltre 400), hanno beneficiato di una certa visibilità anche le città/musei risultati non votati. L’obiettivo complessivo del progetto infatti è sia quello di realizzare 8 restauri sia quello di pubblicizzare interessantissimi poli museali che altrimenti non godono di grandi mezzi per essere pubblicizzati” afferma Enrico Bressan, presidente di Fondaco Italia.

Il progetto ha portato al recupero di 7 opere nella prima edizione del 2017 e 8 nella seconda edizione del 2018, per un importo complessivo di € 250.000. Al termine della terza edizione saranno 23 gli interventi di restauro realizzati. Nel 2017 sono state restaurate le opere seguenti: “S. Anna e Maria con bambino”, olio su tela, Cattedrale di Matera; “I fiori di cardo”, olio su tela, Palazzo Farnese di Ortona (Ch); “Il giuramento degli anconetani”, olio su tela, Pinacoteca Podesti di Ancona; “Sacra famiglia con Sant’Orsola”, olio su tela, Museo degli Eremitani di Padova; “La fontana de Genio di Palermo“ di Piazza della Rivoluzione a Palermo; “Cristo ligneo del XVII secolo” del Castello di Copertino (Le) e infine il “ Mosaico a nido d’ape” del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia (Ud). Per l’edizione 2018 sono stati completati i restauri delle opere: “S. Nicola con Adeodato e i tre fanciulli”, olio su tela, Chiesa S. Nicola di Myra di Andria; “Ritratto di Gentiluomo”, olio su tavola, Museo Castello di Ursino di Catania; “Codice malatestiano” della Biblioteca Malatestiana di Cesena; “Sarcofago di Khonsu-Pa-Amon” del Museo Winckelmann di Trieste. Sono ancora in corso i lavori per il “Monumento a Raffaello Sanzio” di Urbino, per la “Statua di Santa Lucia” della Chiesa di Santa Lucia alle Malve a Matera, la “Pala di San Sebastiano” del Duomo di Modena e “La Pietà” del Battistero della Basilica di San Marco a Venezia. Nel 2019 il percorso ha fatto tappa in Emilia-Romagna nel mese di maggio, e proseguirà poi a giugno nelle Marche, a luglio in Sicilia, ad agosto in Puglia, a settembre in Lombardia, a ottobre in Friuli-Venezia Giulia, a novembre in Abruzzo per concludere in Veneto a dicembre. Il dettaglio delle opere oggetto di votazione è disponibile qui.

Un’importante attività di comunicazione accompagna lo svolgimento del progetto, a beneficio delle istituzioni culturali coinvolte, delle opere oggetto di restauro, dei soci della cooperativa, dei cittadini nonché di Coop Alleanza 3.0, che associa così la propria attività ad un importante progetto di recupero del patrimonio culturale italiano. “Grazie ad Opera Tua siamo stati contattati da altre aziende di altro settore perché molto interessate a supportare un’attività di comunicazione di questo tipo rispetto ad una tradizionale. La conferma che la lettura attenta del nostro passato può rafforzare l’immagine dell’azienda ed anche contribuire a dare nuove idee e stimoli” afferma Bressan. Un valore aggiunto, quello della cultura, di cui le aziende sembrano essere sempre più consapevoli.

@ Riproduzione riservata

di Maria Elena Santagati


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012