Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

notizie

Flash News

“Libera l’arte”, l’impegno di Sanex e Fondaco Italia per il patrimonio culturale. Treccani celebra Isgrò a 50 anni dalla celeberrima mostra. Artissima2019, i premi di sponsor e istituzioni. GrandArt a Milano e i talk sui temi arte&impresa. A Fano convegno sull’esperienza della Fondazione Ermanno Casoli. Matera 2019, il programma di ottobre dell’Open future delle imprese italiane.

Emilio Isgrò firma la speciale edizione di grande formato della Grande Enciclopedia, Courtesy Istituto Treccani

“Libera l’arte”, progetto di comunicazione e CSR di Sanex in partnership con Fondaco Italia.
L’azienda Sanex del gruppo Colgate-Palmolive, in collaborazione con Fondaco Italia, è protagonista di un progetto di responsabilità sociale d’impresa dedicato alla valorizzazione del patrimonio culturale. Attraverso un’innovativa attività di comunicazione che prevede una votazione online sul sito aziendale, si potrà esprimere la propria preferenza per un’opera d’arte che verrà sottoposta a lavori di restauro finanziati dall’azienda entro gennaio 2020. Il 9 ottobre è il termine ultimo per la votazione che, in dieci giorni, ha registrato il voto di oltre 100.000 persone. La scelta è tra otto opere d’arte, collocate in 5 diverse regioni italiane: la statua di Artemide nel cortile di Palazzo reale a Torino; la Madonna del coazzone nel Castello Sforzesco a Milano; la statua della Giovane donna sotto l’Arengario a Monza; la Fontana del Delfino a Bergamo; il gruppo scultoreo di Pomona nel Palazzo Ducale del Giardino a Parma; la statua della Venere di Milo all’Accademia di Belle Arti a Firenze; la statua della Madonna con Bambino della Chiesa di Sant’Egidio a Sommati, frazione di Amatrice; la statua di Santa Teresa sul pronao della Chiesa degli Artisti a Roma. “Il connubio tra i prodotti Sanex e l’arte non è casuale. Infatti le splendide opere d’arte del nostro Paese sono soggette a deterioramento. Allo stesso modo, anche la pelle nasce perfettamente sana e levigata, ma, inesorabilmente, l’inquinamento e gli agenti esterni, come lo stress o l’uso di prodotti chimici aggressivi, con il passare del tempo, agiscono causandone il deterioramento. La linea a marchio Sanex mantiene la pelle sana attraverso prodotti rigorosamente formulati, riducendo al minimo gli ingredienti chimici non necessari e gli allergeni” si legge nella presentazione dell’iniziativa.

Treccani e Isgrò, 50 anni dopo. Un nuovo lavoro di grande formato e una monografia firmata da Germano Celant.
A cinquant’anni dalla storica mostra presso la Galleria Schwarz di Milano in cui Emilio Isgrò presentò i volumi dell'Enciclopedia Treccani cancellati per intero e le pagine vennero appese alle pareti come quadri, Treccani − con il suo nuovo ramo Treccani Arte, centro di ricerca e di produzione di opere editoriali, multipli d’arte e iniziative dedicate all’arte contemporanea – rende omaggio al grande artista con due iniziative. La prima prevede la realizzazione, da parte di Isgrò, di una speciale edizione di grande formato (120 x 160 cm) dell’Enciclopedia, che sarà proposta al pubblico in una tiratura di 50 esemplari e 10 prove d’artista, nella quale il Maestro ha effettuato delle cancellazioni del testo in rosso (il colore Treccani per eccellenza), lasciando visibili soltanto venti voci, tra cui i nomi di Dante Alighieri, Michelangelo Buonarroti, Giuseppe Verdi e Albert Einstein. “Non riuscivo a chiudere occhio e all’improvviso, rivoltandomi tra le lenzuola, vidi la Cancellatura stagliarsi sulle pareti come la Madonna nel cielo di Fatima. Rovesciare il tavolo, come io feci con le cancellature, non significava distruggere la parola, ma salvaguardarla per tempi migliori: per quando, cioè, la capacità di riflettere si sarebbe finalmente saldata alla necessità di creare” (E. Isgrò). La seconda prevede la pubblicazione di una monografia dell’artista firmata da Germano Celant, in occasione della mostra dedicata al Maestro che si tiene a Venezia dal 14 settembre al 24 novembre negli spazi della Fondazione Giorgio Cini. Il volume si compone del colloquio tra Celant e Isgrò avvenuto nel luglio 2019, di una cronologia della vita e della carriera dell’artista e di un contributo inedito, ovvero un intervento cancellatorio sul Moby Dick di Melville.

Torino. Artissima, i premi dell’edizione 2019 in collaborazione con sponsor e istituzioni.
Si terrà dal 1° al 3 novembre a Torino, presso Oval – Lingotto Fiere, la 26a edizione di Artissima – Internazionale d’arte contemporanea. Saranno sei i riconoscimenti assegnati da giurie internazionali ad artisti e gallerie, grazie alla collaborazione con altrettante imprese e istituzioni. A questi si aggiunge il “New Entries Fair Fund”, giunto alla seconda edizione, il fondo istituito da Professional Trust Company con la collaborazione di Artissima per sostenere e incentivare la partecipazione alla fiera di giovani gallerie. Giunto alla 19a edizione, il “Premio illy Present Future “rivolto ai talenti emergenti verrà assegnato da illycaffè all’artista ritenuto più interessante nella sezione Present Future. Il “Premio Sardi per l’Arte Back to the Future” per le proposte più avanguardistiche, istituito nel 2014 in partnership con la Fondazione Sardi per l’Arte, verrà attribuito alla galleria che si distinguerà per il miglior progetto in termini di rilevanza storica dell’artista e di presentazione dello stand. Il “Premio Refresh Irinox”, promosso da Irinox, azienda leader nella produzione di abbattitori di temperatura, per il terzo anno verrà assegnato ad uno degli artisti presentati nella sezione Disegni; oltre al riconoscimento, dal 2018 l’azienda prevede un premio acquisizione di un’opera d’arte tra gli stand presenti nella sezione. Alla sua terza edizione, il “Campari Art Prize” verrà attribuito a un giovane artista under 35 tra quelli esposti in mostra, al quale verrà poi dedicata una personale presso la Galleria Campari. Spetterà a un giovane artista italiano lo storico “Premio Ettore e Ines Fico”, che quest’anno prevede la possibilità di allestire, nel 2020, una mostra personale presso il Museo Ettore Fico. Infine, il premio “OGR Award”, alla sua terza edizione, viene assegnato dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT e prevede l’acquisizione di un video selezionato tra quelli proposti in fiera, che andrà ad arricchire la collezione della Fondazione.

Milano. Dal 4 al 6 ottobre torna GrandArt, con approfondimenti sul tema arte& impresa.
Dal 4 al 6 ottobre avrà luogo a Milano, presso The Mall, la terza edizione di GrandArt – Modern and contemporary Fine Art Fair. Non solo fiera, ma un programma ricco di appuntamenti: un ciclo di talk curati e moderati da Cesare Biasini Selvaggi e Bianca Cerrina Feroni, le mostre collaterali “Garçon” – Domenico Gnoli ed “Ex voto” – Per arte ricevuta e il premio “The Bank Contemporary Art”, che verrà assegnato all’artista che avrà meglio interpretato la tradizione pittorica italiana in chiave contemporanea. Tra i numerosi talk, alcuni hanno un focus sulla tematica arte & impresa: il 4 ottobre alle ore 18.15, “Uno studio legale per collezionare”, talk con rappresentanti dei più importanti studi legali di Milano impegnati in progetti di arte contemporanea. Sabato 5 ottobre alle ore 16.30: “Arte + impresa/Arte nell’impresa per generare nuovo valore”, talk in cui verranno presentati anche casi specifici, come i progetti Art Journey di Copernico, Cartier Art Magazine di Fondazione Cartier e l’esperienza dell’impresa di consulenza strategica e creativa Swan&Koi; ne parleranno: Pier Paolo Pitacco (art director e curatore), Alfredo Rapetti Mogol (artista), Giorgia Sarti (art specialist presso Copernico, ideatrice e curatrice del progetto Art Journey) e Gianna Terzani (titolare di Swan&Koi). Domenica 6 ottobre: alle ore 15.30 il talk “Artbonus e fundraising: nuovi strumenti per finanziare i progetti culturali” e alle ore 16.30 il talk “Comunicare con l’arte contemporanea”, che intende approfondire il fenomeno dell’arte contemporanea quale strumento di comunicazione per le imprese. Ne parleranno: Francesco Moneta (presidente del Comitato CULTURA + IMPRESA), Lisa Borgiani (artista), Gilda Gastaldi (presidente Fondazione Gruppo San Donato), Silvia Proni (storica dell’arte), Stefano Sbarbaro (curatore di progetti di comunicazione con l’arte contemporanea) e Barbara Foglia (responsabile attività museali MUMAC- Gruppo Cimbali).

Fano. Un convegno su arte&impresa per raccontare l’esperienza della Fondazione Ermanno Casoli.
Venerdì 20 settembre 2019 alle 17,30 a Palazzo San Michele, sede distaccata dell’Università di Urbino “Carlo Bo”, si è tenuto il convegno “Innovare l’impresa con l’arte. Il metodo della Fondazione Ermanno Casoli”, organizzato dall’associazione Centro Studi Economia e Territorio. Un’occasione di dibattito e approfondimento su come l’arte possa generare innovazione in azienda, attraverso l’esperienza innovativa con artisti, formatori e aziende condotta dalla Fondazione Casoli, istituita nel 2007 in memoria di Ermanno Casoli, fondatore di Elica, azienda leader mondiale nella produzione di cappe ad uso domestico. Il tutto, a partire dal volume che dà titolo al convegno, edito da Egea nel 2018 e curato da Chiara Paolino, ricercatrice di Organizzazione Aziendale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Deborah Carè del Group recruiting, employer branding and training manager di Elica e Marcello Smarrelli, storico dell’arte e direttore artistico della Fondazione Ermanno Casoli, con prefazione di Pier Luigi Celli, Presidente Sensemakers. Al convegno ha partecipato anche Francesco Casoli, Presidente di Elica, il quale ha affermato: “Quando abbiamo deciso di iniziare questo percorso con la Fondazione Ermanno Casoli più di 10 anni fa volevamo rovesciare il ragionamento classico legato alla produzione. Per noi l’arte è stupire. È rendere visibile qualcosa che agli altri è invisibile. È individuare nuovi processi che siano migliori di quelli che già sono esistenti. Proprio con il fine di rispondere al quesito principe dell’utilitarismo e delle logiche economiche. (…) Questo metodo legato all’arte non è stato la panacea della crisi che si è abbattuta violentemente a partire dal 2008, però ci ha aiutato. Ci ha aiutato ad avere un vantaggio competitivo”, si legge nella restituzione del convegno.

Matera 2019. Il programma di ottobre dell’Open future delle imprese italiane.
Prosegue e si avvia verso la conclusione, nel mese di dicembre, il programma dell’Open future delle imprese italiane promosso da Confindustria e Fondazione Matera-Basilicata 2019, volto alla presentazione di storie produttive di eccellenza che riconoscono la cultura tra i valori aziendali. Nel mese di ottobre sarà la volta di 5 imprese operanti in settori eterogenei. Dal 2 al 6 ottobre sarà la volta di ITEL Telecomunicazioni, attiva principalmente negli ambiti della diagnostica per immagini e della medicina nucleare, che vanta collaborazioni con numerosi enti di ricerca quali INFN, ENEA, Università e Politecnici sia italiani sia europei. Dall’8 al 13 ottobre spazio all’associazione territoriale di Confindustria “Belluno Dolomiti”, che riunisce imprese manifatturiere e di servizi della provincia di Belluno, con una visione che riconosce all’impresa la sua qualità di agente di sviluppo del territorio. Il settore alimentare sarà invece protagonista dal 15 al 20 ottobre con Società Alimentare Meridionale, esperienza di imprenditoria olearia a conduzione familiare sin dal 1889, che tramanda gli insegnamenti degli avi maestri frantoiani e si caratterizza per elevati standard di qualità e l’impegno per la biodiversità. Xenia Gestione Documentale sarà ospite nei giorni dal 22 al 27 ottobre, con i propri servizi di Content/Document Management per la pubblica amministrazione e le PMI. Dal 29 ottobre al 3 novembre, a chiudere il mese sarà il settore del commercio di pneumatici con l’esperienza consolidata di Saccon Gomme.

@Riproduzione riservata

di Maria Elena Santagati


Ricerca


GDA gennaio 2020

Vernissage gennaio 2020

Il Giornale delle Mostre online gennaio 2020

RA Case d

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012