Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

Flash News

Apre a Roma il nuovo museo privato “Musja”. Partnership tra Apple e New Museum di New York per [AR]T. Quarta edizione del bando “Generazione Cultura” di Lottomatica. Nasce l’Art Bonus regionale del Friuli-Venezia Giulia. “Take Care”, la mostra sul patrimonio artistico del Gruppo Unipol. Successo per la mostra della Fondazione FILA museum a Seoul

Museo "Musja", Roma. Fonte: Musja

Roma. Apre il nuovo museo privato “Musja” con le collezioni dell’imprenditore Ovidio Jacorossi.
Roma, via dei Chiavari 7. Da qui prese avvio nel 1922 la storia imprenditoriale della famiglia Jacorossi, con il piccolo negozio di carbone del nonno dell’attuale esponente e collezionista d’arte Ovidio. A distanza di quasi 100 anni, Ovidio Jacorossi inaugura qui un nuovo spazio per l’arte contemporanea che, dopo un primo anno di sperimentazione, diventa un vero e proprio museo privato: “Musja” (Museo Jacorossi). 1000 mq all’interno di un edificio sorto sulle rovine del Teatro di Pompeo, con bookshop, caffetteria e un programma espositivo basato sulla collezione Jacorossi, con opere esposte a rotazione in mostre dedicate o nell'ambito di progetti espositivi inediti. Una collezione che comprende 2500 opere di artisti quali De Chirico, Burri, Tacchi, Angeli, Festa, Sartorio, Clerici, Martini, Severini, Scipione, Perilli, Turcato, Dova, Lo Savio, Fioroni, Ceroli, De Dominicis, Schifano. “Con la nascita di Musja doniamo un nuovo Museo alla città di Roma e a tutto il Paese, mettendo a disposizione della collettività una collezione d’arte che rappresenta il risultato di una lunga storia umana e imprenditoriale. Nella nostra attività abbiamo da sempre considerato centrale il valore della persona e riconosciuto l’importanza della creatività nello sviluppo del potenziale di ogni individuo e di ogni organismo pubblico e privato. Con questa nuova realtà intendiamo offrire un contributo tangibile allo scambio e alla promozione culturale della società di cui tutti facciamo parte” afferma Ovidio Jacorossi. Il museo aprirà le porte al pubblico il prossimo 8 ottobre con la prima mostra del progetto-trilogia “The Dark Side”, curato da Danilo Eccher − “Paura del Buio”, “Paura della Solitudine” e “Paura del Tempo” – con il coinvolgimento di 13 artisti internazionali che realizzeranno installazioni site-specific.

Partnership tra Apple e New Museum di New York per [AR]T, esperienze di realtà aumentata negli Apple Store.
Dal 10 agosto, previa registrazione, sarà possibile partecipare all’iniziativa [AR]T promossa da Apple in collaborazione con il New Museum di York, la quale è parte del programma di appuntamenti “Today at Apple” per la fruizione di esperienze in realtà aumentata presso gli store. L’iniziativa dedicata all’arte contemporanea si compone di 3 proposte e vede la partecipazione dei seguenti artisti: Nick Cave, Nathalie Djurberg e Hans Berg, Cao Fei, John Giorno, Carsten Höller e Pipilotti Rist. Con [AR]T walks gli utenti potranno partecipare a delle passeggiate virtuali interattive con le opere degli artisti partecipanti al progetto, attualmente fruibili in 5 store tra America, Europa e Asia: Apple Fifth Avenue, New York; Apple Union Square, San Francisco; Apple Covent Garden, London; Apple Marché Saint-Germain, Paris; Apple Causeway Bay, Hong Kong; Apple Shinjuku, Tokyo. Negli Apple Store di tutto il mondo sarà invece possibile fruire dell’installazione “Amass” di Nick Cave, attraverso [AR]T Viewer nell’app di Apple Store, e di [AR]T Lab, laboratorio condotto da Sarah Rothberg, artista e docente di NEW INC, incubatore del New Museum, durante il quale gli utenti potranno partecipare alla creazione di esperienze in realtà aumentata attraverso l’app Swift Playgrounds.

Lanciata la quarta edizione del bando “Generazione Cultura” di Lottomatica.
Generazione Cultura è il programma di formazione promosso da Lottomatica in collaborazione con Luiss Business School, grazie al quale 50 giovani laureati italiani under 27 potranno beneficiare di borse di studio del valore di 3000 euro. Gli obiettivi specifici del programma sono “Comprendere le dinamiche gestionali e organizzative del sistema artistico e culturale; Costruire un’esperienza che consenta ai partecipanti di conoscere a fondo il sistema dell’arte e della cultura; Sviluppare capacità progettuali e imprenditoriali”. “Una scommessa per avvicinare giovani di talento al mondo del lavoro e valorizzare il patrimonio culturale del Paese”, afferma Fabio Cairoli, presidente e AD di Lottomatica Holding. Le attività formative prevedono 200 ore di lezione in aula in 6 settimane su Digital Cultural Heritage, Marketing dell’arte e della cultura, Entrepreneurship e Cultura, Cultural Project Management, Field Project, Business planning, a cui si aggiunge uno stage formativo retribuito della durata di 6 mesi. A conclusione, una fase di Follow up consentirà di valutare l’efficacia della formazione sia in termini di aumento delle conoscenze sia in termini di impatto sui comportamenti lavorativi durante lo stage. Il programma è definito e progettato da un comitato tecnico-scientifico, composto da Paolo Boccardelli – Direttore LUISS Business School, Mario De Simoni – Presidente e Amministratore Delegato ALES, Sebastiano Missineo – Docente universitario ed esperto di marketing culturale, Luca Pirolo – Direttore LUISS Creative Business Center, Enrica Ronchini – Senior Director External Relations & Corporate Communication. La scadenza del bando è fissata per il 30 settembre.

La Regione Friuli-Venezia Giulia lancia l’Art Bonus regionale.
La Regione Friuli-Venezia Giulia ha istituito un suo Art Bonus che va ad affiancarsi a quello nazionale, con cui è peraltro cumulabile. L’iniziativa è stata presentata a Trieste lo scorso 2 agosto alla presenza del presidente Massimiliano Fedriga e degli assessori Tiziana Gibelli (Cultura) e Barbara Zilli (Finanze). Una misura che conta sullo stanziamento, in questa prima fase, di 350 mila € per incentivare gli investimenti privati nel settore culturale, e che prevede un’agevolazione fiscale attraverso un credito d'imposta pari al 20% o al 40% delle erogazioni effettuate in funzione dei progetti, e la visibilità degli investitori in un Albo pubblico, Albo Circolo virtuoso Fvg, che sarà diffuso anche grazie alla collaborazione con PromoTurismoFVG e con l'Ente regionale patrimonio culturale (Erpac). “L'obiettivo è quello di un'alleanza tra pubblico e privato anche nella cultura, introducendo uno strumento capace di rafforzare questa sinergia aumentando le risorse a disposizione del settore e favorendo in questo modo una crescita economica del territorio regionale. (…) Un'opportunità a cui si unisce il fatto che la collaborazione con l'istituzione pubblica porta un beneficio, non solo in termini finanziari, ma anche dal punto di visto realizzativo di un evento, grazie all'unione tra lo spirito d'impresa e l'organizzazione amministrativa" ha affermato il governatore Massimiliano Fedriga.

Fino al 27 settembre la mostra sul patrimonio artistico del Gruppo Unipol a Bologna e Milano.

Dall’11 giugno al 27 settembre le sedi UNIPOL di Milano - Corso di Porta Romana e Bologna - CUBO museo d’impresa UNIPOL ospitano la mostra “TAKE CARE. Arte moderna e contemporanea dal patrimonio del Gruppo UNIPOL”. Curata da Ilaria Bignotti, la mostra costituisce l’appuntamento annuale di CUBO per valorizzare e rendere fruibile il proprio patrimonio. Oltre venti opere che, nelle due città, dialogano su fronti differenti: a Milano, l’attenzione è sulla sperimentazione tecnologica e dei new media, con opere di artisti quali Lucio Fontana, Beverly Pepper, Roberto Crippa, Domenico Bianchi, Francesco Lo Savio, Francesca Pasquali, Stefano Ronci, Joanie Lemercier, Quayola. A Bologna, il tema è il valore del lavoro nell’arte dal Novecento ad oggi, con opere di Aldo Borgonzoni, Piero Annigoni, Alberto Sughi, Carlo Levi, Leonardo Cremonini. Una mostra che vuole essere allo stesso tempo esposizione, messaggio e riflessione: “Il progetto espositivo di quest’anno parte dal concetto di “CARE” ovvero “cura” e riflette sulla valenza sociale e culturale della parola stessa: l’artista, il museo, l’archivio del contemporaneo devono prendersi cura della società nella quale operano. In questo senso, le opere selezionate nei due percorsi espositivi dimostrano come gli artisti, dal secondo dopoguerra fino all’epoca attuale, abbiano saputo interpretare e anche innescare il rinnovamento socio-culturale, ma anche ideologico ed economico del loro tempo, definendo l’immagine della nuova Italia” si legge nella presentazione della mostra.

Oltre 20.000 visitatori per la mostra della Fondazione FILA museum a Seoul.
“Re-PLAY 1911 – The Century of Prism”. Questo il titolo della mostra organizzata dalla Fondazione FILA Museum che, dopo il successo alla triennale di Milano, è approdata in Corea, paese del Presidente di FILA, Gene Yoon. Oltre 20.000 visitatori nei nove giorni di esposizione, inaugurata il 17 maggio, presso il centro commerciale Shinsegae Gangnam (Gangnam Branch of Shingsegae Department Store) di Seoul. 108 anni di storia della celebre azienda di abbigliamento sportivo raccontati attraverso materiali d’archivio in 3 sezioni: la mostra fotografica – L’estetica di FILA; Uno spettacolo di design – Lo Stile di FILA; The Runway Zone – FILA e l’ispirazione. “Ha pagato molto questo nuovo modo di comunicare con i consumatori, raccontando una storia secolare, attraverso pezzi unici, attraverso la narrazione di un marchio che nato a Biella si è diffuso in tutto il mondo trasmettendo emozione e entusiasmo” afferma Annalisa Zanni, responsabile di Fondazione Fila Museum e curatrice della mostra. Con sede a Biella in Via Seminari 4/A, la Fondazione comprende il museo, articolato in 9 sale: le origini; FILA sport; il Tennis; la Montagna; l’Acqua; Gold, Baseball e Skates; Calcio, basket, motori e running; FILA nel mondo; il mondo del fashion; e un archivio, diviso in 3 sezioni: abbigliamento, con oltre 2500 pezzi; scarpe, con oltre 4500 pezzi; patrimonio fotografico e pubblicitario. L’intero patrimonio archivistico è digitalizzato e consultabile su piattaforma online.

@ Riproduzione riservata

di Maria Elena Santagati


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012