Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

Imprese e Arte Contemporanea

10x100 fabbrica d’arte contemporanea. Il progetto di Giovanardi SpA per il suo centenario

Fino al 31 luglio 10 artisti in residenza all’interno dell’azienda per celebrare i 100 anni di attività, con il coinvolgimento del personale. Dal 1° ottobre al 30 novembre la mostra di restituzione.

Fasi di progettazione durante le residenze d'artista, Ph. Fosca Piccinelli

Giovanardi Spa compie 100 anni. La storica impresa lombarda con sede a Concorezzo (MB), oggi specializzata nella produzione di espositori e packaging, nasceva infatti a Milano nel lontano 1919 come azienda artigianale di timbri, placche e inchiostri, impegnandosi poi nella fabbricazione di targhe in ferro smaltato. Successivamente, tra gli anni Trenta e Settanta opera nel mondo della quadranteria per radio, bilance, televisori, elettrodomestici, macchine da scrivere, automobili e negli anni Ottanta diversifica la produzione con materiali per il retail (espositori, cartelli vetrina e oggetti promozionali).

Un compleanno speciale da festeggiare con un innovativo progetto che trasforma l’azienda in residenza d’artista. 10 x 100 fabbrica d’arte contemporanea, curato da Martina Cavallarin e Marco Tagliafierro con il coordinamento scientifico di Giovanna Felluga, è stato presentato lo scorso 28 maggio a Milano presso la sede di Assolombarda da Massimo Giovanardi, presidente dell’azienda, e dai curatori, alla presenza di Antonio Calabrò, direttore di Fondazione Pirelli e vicepresidente di Assolombarda.

Il progetto prevede 10 artisti in residenza all’interno degli spazi aziendali fino al 31 luglio e a seguire, dal 1° ottobre al 30 novembre, una mostra in azienda con l’esposizione delle 10 opere realizzate. Sono Alessandro Agudio, Marie Denis, Marotta & Russo, Jacopo Mazzetti, Daniele Milvio, Gianni Moretti, Riccardo Paratore, Riccardo Previdi, Michele Spanghero e Patrick Tuttofuoco gli artisti mid-career che realizzeranno le opere in dialogo con l’azienda e i suoi dipendenti, interpretando il know-how, le tecniche e i prodotti di Giovanardi SpA. Gli artisti lavoreranno a stretto contatto con il personale, attraverso team dedicati per ciascuna opera e sessioni di condivisione e approfondimento, potendo così beneficiare delle competenze e delle risorse aziendali. “Il nostro impegno consiste nella ricerca quotidiana di soluzioni tecnico-estetiche da proporre ai grandi brand del lusso per veicolare il loro universo valoriale. Questo ci ha consentito di sviluppare un’attitudine a un ascolto attento di fronte a esigenze sempre più sofisticate. Da qui è nata l’idea di celebrare i 100 anni di vita della Giovanardi Spa con un percorso artistico, non commissionando opere agli artisti ma mettendo la nostra esperienza al loro servizio, certi che questo confronto si trasformi in una crescita umana e professionale per ognuno di noi” afferma Massimo Giovanardi. L’azienda diventa così un laboratorio di ibridazione tra arte e industria. “L’aspetto centrale è stato quello di incrociare i processi, connettere la struttura umanistica dei dieci artisti invitati, all’intelligenza tecnica della Giovanardi, scambiando il proprio punto di vista con generosità, senza perdere la propria identità o cercare d’imporla all’altro. La Giovanardi ha saputo cortocircuitare i suoi codici tecnici di manifattura di alta e caleidoscopica qualità, con la visione e lo sguardo prismatico dell’artista. Si è trattato di unire insieme due entità androgine nel senso di organismi dotati del dono della specialità, capaci di espandere l’idea e trasformarla, governare il segno e l’implosione e l’articolazione dell’opera nello spazio ambientale, sociale, relazionale” ha affermato la curatrice Martina Cavallarin.

Molteplici ed eterogenee le forme che assumono i processi creativi dei vari artisti. Ad esempio, Alessandro Agudio lavora sulla condizione degli oggetti d'arredo delle vetrine dopo la loro dislocazione, Jacopo Mazzetti produrrà un’installazione ambientale di un albero genealogico, Riccardo Paratore proporrà la riproduzione a scala aumentata della calcolatrice Olivetti Logos 58, Riccardo Previdi partirà dal patrimonio segnico delle attività commerciali cinesi, Michele Spanghero realizzerà un’opera tra scultura e design acustico che analizzerà l’acustica dei luoghi di esposizione. Un’azienda che con passione sta rispondendo alle sollecitazioni degli artisti, concordi nel valutare positivamente l’esperienza in atto: “È proprio la materia umana ad avermi affascinato; la loro capacità di gestire il rapporto identità – alterità, coinvolgendo forze esterne per il raggiungimento di un obiettivo comune, come quando hanno saputo creare sinergie sulla base del mio desiderio di lavorare sul concetto di Pietà a partire dai riferimenti michelangioleschi” (Patrick Tuttofuoco).
Un progetto che non soltanto connette arte e impresa, ma riconnette gli artisti stessi col saper fare artigianale e industriale, facendo eco al ruolo dell’artista in passato, come sostiene anche il curatore Marco Tagliafierro: “La collaborazione tra un gruppo di artisti e un’attività produttiva, sia di tipo artigianale, sia di tipo industriale, può risultare proficua se intesa come azione volta all’esplicitazione delle proprietà latenti della materia oltre la disponibilità del materiale. Del resto, originariamente, l’azione dell’artista riuniva tutte le attività umane frutto di ingegno e di abilità manuale e tecnica rivolta alla materia. L’arte è di fatto un’interfaccia perfetta tra pensiero e τέχνη (téchne), tra indicibile e abilità tecnica o tecnologica”.

Appuntamento in autunno per scoprire le opere realizzate dai 10 artisti, esposte all’interno degli stabilimenti grazie ad un percorso ideato dallo studio di architettura BBMDS, con l’ausilio di tecnologie video e app dedicate.

@ Riproduzione riservata

di Maria Elena Santagati


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012