Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

notizie

“Segnali d’Italia”, anche l’arte tra le storie della campagna IGPDecaux

Dal 20 dicembre 11 storie milanesi di impegno sociale al centro della campagna di comunicazione di IGPDecaux, che lancia anche un bando a supporto di due progetti presentati da realtà no profit della città.

8.	Fotografo: Stefano Guindani campagna SEGNALI D’ITALIA Milano per IGPDecaux Soggetto: Fondazioni Albini, Fondazione Achille Castiglioni, Fondazione Vico Magistretti

“Segnali d’Italia” è la campagna promossa da IGPDecaux che vede protagonista la città di Milano, dopo Parma e Napoli al centro dell’edizione dello scorso anno. Una campagna che sarà presente sui circuiti out of home della città dal 20 dicembre all’inizio di febbraio, con l’obiettivo di raccontare storie esemplificative dell’impegno e del contributo di persone, associazioni, fondazioni, imprese e artigiani al miglioramento del contesto cittadino. Leader nella comunicazione esterna, con un fatturato di 133,6 milioni di euro, 320 dipendenti, una presenza in 118 comuni italiani, 5 metropolitane e 5 aeroporti, IGPDecaux ha promosso la campagna in collaborazione con Edison e Viacom International Media Networks Italia con il suo brand MTV (main partners), Corriere della Sera (media partner), Fondazione Italiana Accenture e Fondazione Sodalitas e con il patrocinio del Comune di Milano. Hanno curato l’ideazione e la realizzazione Cookies & Partners e i fotografi Stefano Guindani e Giacomo Maestri, con la consulenza di The Round Table.

La nostra radicata presenza nelle città e di conseguenza la profonda conoscenza delle stesse ci hanno portato a credere che l’Italia sia ricca di peculiarità ed eccellenze locali da scoprire e valorizzare e di cui essere orgogliosi. Per questo abbiamo promosso la Campagna Segnali d’Italia. Crediamo che l’Out of Home sia il mezzo più efficace per valorizzare lo spazio urbano come luogo di comunicazione, in grado di parlare alla gente proprio perché presente tra la gente, accompagnandola ogni giorno nei suoi spostamenti cittadini. Proprio per questo abbiamo scelto di proporre il progetto qui a Milano per invitare il mondo del terzo settore milanese a dare voce al proprio impegno” ha dichiarato Fabrizio du Chène de Vère, Amministratore Delegato di IGPDecaux.

11 storie di impegno sociale, che in molti casi fanno leva sul sapere artigianale e sulla creatività e comprendono progetti di recupero di spazi, valorizzazione di tradizioni, opportunità di aggregazione e integrazione sociale, formazione e altro ancora. Tra queste, ben 5 storie riguardano l’arte e la creatività nelle sue molteplici sfaccettature: la storica sartoria teatrale Arrigo Costumi apre oggi al pubblico il suo archivio (25.000 capi tra abiti e accessori e 3.000 documenti originali); la Casa degli Artisti ritrova dopo anni di abbandono la sua vocazione di residenza artistica e luogo di incontro e riaprirà al pubblico il primo febbraio del prossimo anno; l’impegno per la comunità di Laura Boerci, milanese doc, autrice e regista teatrale, scrittrice, pittrice, affetta da atrofia spinale; l’attività della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, dal 1995 a supporto dei mestieri d’arte grazie all’impegno del suo presidente e fondatore Franco Cologni; la collaborazione tra Fondazioni Albini, Fondazione Castiglioni e Fondazione Magistretti per l’aspetto di divulgazione sociale e civile che caratterizza i progetti dei loro creatori. Altre storie raccontano il recupero e la creazione di spazi, come Gallab che, sorto in un’ex falegnameria, dà la possibilità di apprendere un mestiere e propone forme di aggregazione sociale, e Ostello Bello, ovvero la creazione di otto strutture ricettive, in Italia e in Birmania, che si pongono come rifugio accogliente e luogo di socializzazione e condivisione di esperienze per i viaggiatori. Il Ristorante solidale Ruben, progetto della Fondazione Ernesto Pellegrini ONLUS, offre pasti e occasioni di convivialità a prezzi simbolici a coloro che si trovano in condizione di fragilità sociale ed economica. In direzione simile opera il Gruppo L’Impronta, nel quartiere Gratosoglio a sud di Milano, che propone luoghi di accoglienza, attività educative e formative a persone fragili e con disabilità, nonché un progetto di inserimento al lavoro di giovani con disabilità in una filiera di attività alimentari. Sempre in un’iniziativa di filiera opera la startup Bella Dentro, che recupera prodotti ortofrutticoli di “scarto” raccontando anche la bontà del difetto. In ambito analogo rientra il progetto di integrazione territoriale tra agricoltura e città dell’azienda agricola Cascina Campazzo, nel Parco Ticinello.

L’impegno di IGP Decaux non si esaurisce nella campagna di comunicazione, ma prevede anche il lancio del Bando “Segnali d’Italia chiama Milano”: dal 20 dicembre al 29 febbraio 2020, associazioni non profit, imprese sociali e comitati cittadini potranno presentare proposte progettuali che verranno valutate da una giuria di esperti e partner della campagna. I due progetti dichiarati vincitori per idea, efficacia, fattibilità e realizzazione potranno beneficiare di un contributo di 15.000 € ciascuno, stanziati da Edison e da Viacom International Media Networks Italia, che si focalizzerà sul progetto che saprà meglio coniugare i temi di rigenerazione urbana e street art, e di 15.000€ in spazi pubblicitari assegnati da IGP Decaux.
Un esempio di responsabilità sociale che coniuga divulgazione e impegno economico in favore di quei “segnali d’Italia” che silenziosamente e operosamente contribuiscono quotidianamente al bene comune.

@ Riproduzione riservata

di Maria Elena Santagati


Ricerca


GDA febbraio 2020

Vernissage febbraio 2020

Il Giornale delle Mostre online febbraio 2020

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012