Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Senza passato è meglio

Gli echi dell'antichità nelle opere dello svizzero Carl Burckhardt in mostra al Museo Vela

 Carl Burckhardt (1878-1923), «Amazzone che conduce un cavallo», 1921-23, modello originale in gesso, h. 231 cm, plinto 230 x 70 cm Basilea, Skulpturhalle Basel, deposito permanente del Basler Kunstverein © Museo Vincenzo Vela / Foto Ruedi Habegger, Basel

Ligornetto (Svizzera). Sebbene alcuni studiosi lo considerino il «padre» della moderna scultura svizzera, Carl Burckhardt (1878-1923) è quasi sconosciuto fuori dalla Svizzera tedesca, dove nacque e visse a lungo. Nato a Zurigo e formato tra Basilea e Monaco, ma con numerosi viaggi a Roma, Burckhardt visse perlopiù a Basilea ma trascorse i suoi ultimi anni a Ligornetto, patria di Vincenzo Vela.

Proprio il Museo Vela, che si apre nella residenza-studio del grande scultore, presenta fino al 28 ottobre la retrospettiva «Echi dall’antichità. Lo scultore Carl Burckhardt (1878-1923) tra Basilea, Roma e Ligornetto», all’interno della sua indagine su artisti svizzeri di valore, poco conosciuti però in ambito italofono.

La mostra, curata da Gianna A. Mina e Tomas Lochman (dal primo dicembre al Kunstmuseum di Basilea), riunisce 110 sue opere, tra sculture (nella foto, «Amazzone»), dipinti e disegni, capaci di illustrare al meglio il suo percorso d’artista dagli anni della formazione, quando guarda a Klinger, ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Ada Masoero, edizione online, 27 giugno 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012